Trattamenti laser: caratteristiche e vantaggi della depilazione definitiva

I peli superflui possono essere un problema, sia in uomini che in donne, inoltre la loro rimozione spesso è dolorosa e poco efficace. L’utilizzo di metodi classici come lametta, la ceretta o il rasoio elettrico potrebbe creare irritazioni superficiali, escoriazioni o favorire la comparsa di peli incarniti, inoltre il loro effetto spesso è limitato nel tempo.

La ricrescita si ripresenta in pochi giorni e non sempre c’è la possibilità di rimuoverli nuovamente, per mancanza di tempo oppure perché sono pochissimi i sistemi che riescono a estirpare la peluria quando il loro fusto è particolarmente corto.

Per risolvere alla base il problema si possono sfruttare i trattamenti definitivi che permettono di non preoccuparsi può della depilazione, uno davvero efficace è costituito dal laser.

Per sfoggiare quindi una pelle sempre liscia e perfetta una soluzione è quella di prenotare una seduta di depilazione definitiva nei centri laserhouse, dove esperti del settore faranno una valutazione personalizzata, stilando un piano specifico per ciascuna situazione. Si tratta di un processo in cui si è seguiti costantemente, dal primo incontro fino al mantenimento, per promuovere un risultato impeccabile.

La libertà di non dover più pensare alla rimozione dei peli è davvero notevole, ciò semplifica la vita e rende più libera la mente dalle preoccupazioni. In questo modo si può andare in vacanza senza problemi, recarsi in piscina o al mare senza la paura che qualcuno noti la ricrescita e rinforzare, in generale, la fiducia che si ha in se stessi.

Come funziona l’epilazione laser

Scegliere l’epilazione laser per dire addio, una volta per tutte, alla peluria superflua permette di avere un risultato davvero duraturo. Tale tecnica può essere usata sia sul corpo che sul viso, trattando ampie aree, come le gambe, ma anche zone ristrette e molto delicate, ad esempio le ascelle. Tale sistema è perfetto anche per tutti coloro che soffrono di alcune patologie legate ai bulbi piliferi come follicolite o cisti, che possono esacerbarsi sia quando si estirpano i peli che quando si tagliano ripetutamente. Le sedute devono essere fatte in dei centri specializzati, una o due volte al mese.

Tale tecnica rimuove tutto il pelo, sia la parte che fuoriesce dalla pelle che il bulbo, così si rallenta la ricrescita e, anzi, si sfavorisce una nuova sintesi di questo annesso cutaneo. Il laser usa un fascio di luce selettivo settato sulla pigmentazione della melanina, così si attua una fotodermolisi che non altera la pelle.

Il processo non è doloroso e l’efficacia si può vedere in qualche settimana; gradualmente ci sarà una riduzione della peluria, la quale ricrescerà più lentamente fino a sparire del tutto. Prima di procedere al trattamento occorre rimuovere il fusto del pelo, in questo modo l’energia della radiazione sarà più concentrata, colpendo selettivamente il bulbo.

La singola seduta non è molto lunga, dipende dall’area che deve essere trattata, non si avverte dolore, solo un lieve fastidio. Durante l’applicazione del laser il paziente sarà protetto da occhiali scuri, per evitare danneggiamenti alla retina, soprattutto se il manipolo opera sul viso o in zone circostanti.

Il numero di applicazioni che devono essere fatte per ottenere un risultato soddisfacente dipende dalla persona, ecco perché è fondamentale un incontro preliminare dove pianificare il percorso e in cui, operatori specializzati e medici, possono rispondere a qualsiasi domanda, dare dei consigli e fare un’analisi approfondita delle zone da trattare, per procedere senza rischi e conseguire un effetto ottimale.