Ti piace grigliare il cibo con il barbecue? Abbiamo una brutta notizia per te

Grigliare il cibo sopra una fiamma aperta ha cambiato irrevocabilmente l'evoluzione umana molti millenni fa e sebbene siano state create nuove forme di preparazione del cibo, il metodo rimane molto popolare grazie alla tradizione soprattutto estiva del barbecue a carbonella.

0

Grigliare il cibo sopra una fiamma aperta ha cambiato irrevocabilmente l’evoluzione umana molti millenni fa e sebbene siano state create nuove forme di preparazione del cibo, il metodo rimane molto popolare grazie alla tradizione soprattutto estiva del barbecue a carbonella.

Tuttavia, come qualsiasi attività basata sulla combustione, la grigliata produce grandi quantità di molecole cancerogene note come idrocarburi policiclici aromatici (IPA).

Gli IPA sono pericolosi e varie ricerche hanno dimostrato che sia l’inalazione del fumo del Barbecue che il consumo del cibo grigliato introducono queste sostanze chimiche nel nostro corpo.

In uno studio recente, i ricercatori delle università di Pechino e Jinan (Cina) hanno confrontato i livelli di esposizione agli IPA tramite inalazione di fumo, consumo di cibo e assorbimento dermico in 20 volontari maschi in piedi attorno a un barbecue a carbonella.

È stato, quindi, scoperto che la pelle può far entrare più IPA nell’organismo rispetto all’inalazione diretta del fumo.

Come descritto nella rivista Environmental Science & Technology, il team cinese ha creato tre gruppi: a sette uomini è stato assegnato il compito di mangiare cibi grigliati, di inalare e di assorbire il fumo attraverso la pelle; ad altri sette solo quello di inalare e assorbire; sei uomini hanno ricevuto soltanto un’esposizione cutanea, indossando maschere sigillate che gli fornivano aria fresca durante la sessione di barbecue di 2 ore e mezza.

Come previsto, i campioni di urina prelevati nelle successive 24 ore hanno dimostrato che le più alte concentrazioni di IPA metabolizzate derivavano dall’ingestione di cibo, come calcolato sottraendo i risultati del gruppo uno dal gruppo due.

Però, l’assorbimento cutaneo ha prodotto una maggiore quantità escreta di IPA metabolizzati rispetto all’inalazione.

Gli autori ipotizzano, pertanto, che i lipidi presenti sulla pelle aumentino l’assorbimento degli idrocarburi aromatici e che la quantità di esposizione agli IPA aumenti con la quantità di pelle nuda esposta.

Pertanto, quando si cucina la carne alla griglia (o qualsiasi altro cibo), si consiglia di indossare magliette a maniche lunghe e pantaloni. Tuttavia, bisogna sottolineare che il tessuto comincerà a far passare gli IPA verso la pelle “una volta che la capacità di assorbimento dei vestiti è stata parzialmente violata“, durante un barbecue.

Inoltre, una volta completamente saturo, l’abbigliamento può diventare un potente serbatoio di IPA pronto per essere risucchiato dalla pelle anche molto tempo dopo la fine della grigliata.

Il consiglio è, quindi, di cambiarsi d’abito subito dopo aver partecipato a un barbecue.

 

Commenti