Scoperto test del sangue per individuare un tumore prima dei sintomi

Un nuovo test genetico del sangue potrebbe aprire la strada all'individuazione dei tumori. I dettagli dello studio.

0
test sangue

Un nuovo test genetico del sangue potrebbe aprire la strada all’individuazione dei tumori nella loro fase iniziale che spesso sono mortali quando la diagnosi giunge troppo tardi.

Lo sostiene un nuovo studio.

Il test in questione, infatti, esamina il sangue per scovare eventuali frammenti di DNA rilasciati dal cancro, come spiegato dal ricercatore principale Victor Velculescu, professore presso il Johns Hopkins Kimmel Cancer Center di Baltimora (Stati Uniti d’America).

Il test ha rilevato tumori che hanno colpito colon, seno, polmone o le ovaie di stadio 1 o 2 in una percentuale che varia dal 59% al 71% in 200 pazienti a cui era stato precedentemente diagnosticato il cancro.

Se siamo in grado di individuare il cancro anzitempo, le possibilità di salvare vite sarebbero molto più alte“, ha affermato Velculescu.

Il dottor Len Lichtenfeld, vice direttore medico della American Cancer Society, ha definito “importante” questa ricerca, perché fa compiere “un passo avanti nella strada per sviluppare un test del sangue che potrebbe scoprire il tumore prima dei sintomi“.

Abbiamo ancora bisogno di migliorare la sensibilità del test – ha detto Lichtenfeld – ma non è un test che sarà disponibile in un laboratorio clinico in qualsiasi momento“.

Per sviluppare un test genetico del sangue per il cancro, i ricercatori devono trovare i modi per individuare le mutazioni del DNA legate al cancro, ignorando quelle naturali e innocue che si verificano regolarmente nell’uomo, ha spiegato Velculescu.

Velculescu e il suo team hanno sviluppato, di conseguenza, una scansione genetica che “cattura un frammento qui e un frammento là e li usa per creare un’immagine di ciò pare il DNA del tumore“, ha detto Lichtenfeld.

Il gruppo di ricerca ha assemblato un gruppo di 58 geni legati al cancro e ha utilizzato la scansione per scovare frammenti di DNA del tumore nel sangue di 200 persone già note per avere un tumore.

Complessivamente, i ricercatori hanno rilevato circa il 62% dei tumori di fase 1 e 2.

La ricerca è importante soprattutto sul fronte della lotta al cancro alle ovaie perché, se individuato nella sua fase primaria, il tasso di sopravvivenza di cinque anni è superiore al 90%.

La maggior parte di questo tipo di cancro, infatti, viene rilevata dopo che si è diffusa, e in quel momento le probabilità di sopravvivenza a cinque anni sono del 40% o meno.

“Trovare un indicatore in un paziente di cancro ovarico di fase 1 è molto importante, perché questo è un tumore che di solito si presenta in una fase molto più avanzata“, ha detto Lichtenfeld.

Inoltre, per controllare la capacità del test di escludere le persone sane, i ricercatori hanno anche analizzato il sangue di 44 volontari senza cancro e non si sono verificati falsi positivi.

Nonostante questi risultati promettenti, i ricercatori devono convalidare il test del sangue in studi con più partecipanti.

Bisogna lavorare ancora di più per migliorare il tasso di individuazione“, ha aggiunto Lichtenfeld. “Questi test non sono stati in grado di rilevare il 100% dei tumori“, ha sottolineato il medico.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Science Translational Medicine.

Commenti