Svolta per chi soffre di emicrania, sperimentato con successo nuovo farmaco

Le persone che hanno provato senza successo a prevenire l'emicrania con altri trattamenti potrebbero trovare sollievo con un nuovo farmaco.

0
emicrania

Le persone che hanno provato senza successo a prevenire l’emicrania con altri trattamenti potrebbero trovare sollievo con un nuovo farmaco.

Lo sostiene uno studio preliminare pubblicato ieri, martedì 17 aprile.

L’Erenumab fa parte di una nuova classe di farmaci – anticorpi monoclonali umani – che bloccano il peptide correlato al gene della calcitonina (CGRP), una molecola che trasmette segnali di dolore emicranico durante un attacco. Il farmaco è un’iniezione di lunga durata che ha lo scopo di fermare l’emicrania prima ancora che cominci.

Se siamo in grado di bloccare il CGRP, allora possiamo bloccare un attacco di emicrania“, ha detto il dottor David Kudrow, direttore di una clinica medica californiana, non coinvolto nello studio.

Più di 37 milioni di americani soffrono di attacchi di emicrania, secondo l’American Headache Society. Di questi, circa 4 milioni hanno l’emicrania cronica e soffrono di mal di testa in un periodo che va da 10 a 14 giorni al mese.

Mentre alcune persone sono aiutate da farmaci a basso costo, come l’ibuprofene, altri hanno bisogno di farmaci come il sumatriptan e l’ergotamina, che restringono i vasi sanguigni nel cervello e possono causare vertigini o nausea. Iniezioni di Botox sono anche usate per alleviare l’emicrania in alcuni casi.

Ma una grande percentuale di malati è senza una cura degna di questo nome.

Secondo l’autore dello studio, il dottor Peter Goadsby, professore di neurologia al Kings College di Londra, nel Regno Unito, e all’Università della California, a San Francisco, “questo farmaco cambierà il trattamento dell’emicrania per coloro che non rispondono ai trattamenti convenzionali“.

Per partecipare allo studio gli adulti di età pari o superiore a 18 anni, hanno dovuto segnalare tra 4 e 14 emicranie episodiche invalidanti o 15 o più emicranie croniche al mese, con il fallimento di due o più trattamenti preventivi, come il topiramato, il propranololo o l’amitriptilina.

I ricercatori hanno scoperto che il farmaco ha ridotto il numero medio mensile dei mal di testa da emicrania di oltre il 50% per quasi un terzo dei partecipanti allo studio.

Dopo tre mesi, i pazienti trattati con l’anticorpo umano hanno quasi triplicato la probabilità di ridurre i loro giorni di emicrania del 50% o più rispetto a quelli trattati con un placebo.

I partecipanti allo studio hanno anche avuto una riduzione media maggiore nel numero dei giorni con mal di testa.

Nessun paziente che ha assunto erenumab ha interrotto il trattamento a causa di effetti collaterali avversi ma gli scienziati sostengono che saranno necessarie ulteriori ricerche per verificare se i benefici continuino nel tempo.

 

Il farmaco dovrebbe ricevere l’approvazione della Food and Drug Administration il 17 maggio. Se approvato, potrebbe essere disponibile per la prescrizione negli USA entro la fine dell’anno. Il costo del farmaco è stato stimato in 10mila dollari all’anno (circa 8mila euro).

Commenti