Si può perdere la vista a causa dell’inquinamento?

I ricercatori del Regno Unito hanno oscoperto che l'inquinamento atmosferico può essere significativamente associato allo sviluppo della degenerazione maculare legata all'età.

Foto di Pixource da Pixabay
  • Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, l’inquinamento atmosferico causa quasi 4,2 milioni di decessi ogni anno, principalmente a causa di ictus, malattie cardiache, cancro ai polmoni e malattie respiratorie croniche.
  • I ricercatori del Regno Unito hanno ora scoperto che l’inquinamento atmosferico può essere significativamente associato allo sviluppo della degenerazione maculare legata all’età (AMD), che può portare alla perdita della vista.
  • Il più grande fattore di rischio per lo sviluppo dell’AMD è l’età.

Perdita della vista e inquinamento

È l’Organizzazione Mondiale della Sanità a parlare di dati allarmanti: circa il 91% della popolazione mondiale vive in luoghi in cui i livelli di qualità dell’aria superano i limiti dell’OMS.

L’alto livello d’inquinamento atmosferico non è innocuo per il nostro organismo, difatti, secondo l’OMS, l’inquinamento atmosferico causa quasi 4,2 milioni di morti all’anno, principalmente a causa di ictus, malattie cardiache, cancro ai polmoni e malattie respiratorie croniche.

Uno studio osservazionale pubblicato lunedì sul British Journal of Ophthalmology rileva che l‘inquinamento atmosferico potrebbe anche influire sulla vista.

I risultati suggeriscono che una cattiva qualità dell’aria potrebbe aumentare significativamente le probabilità di sviluppare una condizione chiamata degenerazione maculare legata all’età (AMD).

“La degenerazione maculare legata all’età è una condizione correlata all’età che colpisce preferenzialmente la macula, che è il centro della vista”, il Dottor Vaidehi S. Dedania, chirurgo retinico presso il NYU Langone Eye Center e assistente professore nel dipartimento di oftalmologia presso NYU Grossman School of Medicine, ha detto a Healthline.

Il Dr. Dedania ha affermato che AMD è la terza causa di perdita della vista nelle persone di età superiore ai 50 anni in tutto il mondo.

“Negli stadi avanzati della malattia, gli individui possono sperimentare la perdita della visione centrale con conseguente disabilità visiva grave e permanente”, ha detto. “L’AMD può essere classificata come” secca “, nota anche come non essudativa, o come” umida “.

L’esperto ha continuato ad affermare che l’AMD secca è più comune dell’AMD umida e, sebbene entrambe le forme possano portare a una grave perdita della vista, la più grave perdita della vista associata all’AMD si verifica nelle persone con la forma umida della malattia.

I partecipanti allo studio: l’inquinamento influisce sulla vista?

I ricercatori hanno esaminato i dati di 115.954 partecipanti allo studio sulla Biobank del Regno Unito di età compresa tra 40 e 69 anni che non avevano problemi agli occhi quando lo studio è iniziato nel 2006. Ai partecipanti è stato chiesto di segnalare se avevano ricevuto una diagnosi formale di AMD dal proprio medico.

I ricercatori hanno quindi esaminato le misure dell’inquinamento atmosferico che includevano particolato (PM), biossido di azoto (NO2) e ossidi di azoto (NOx). I veicoli emettono gas NO2 e NOx.

Eventuali cambiamenti strutturali nello spessore o nel numero dei recettori della luce nella retina, un segno di AMD, sono stati valutati in 52.602 persone per le quali i ricercatori avevano dati completi nel 2009 e 2012, utilizzando un tipo di imaging retinico chiamato tomografia a coerenza ottica non invasiva (OCT) .

Alla fine dello studio, 1.286 partecipanti avevano ricevuto diagnosi di AMD e il 12% di quelli a cui non era stata diagnosticata la condizione presentava segni di AMD rilevati dall’imaging retinico.

Dopo che i ricercatori hanno tenuto conto di fattori potenzialmente influenti, come le condizioni di salute e lo stile di vita sottostanti, l’analisi dei dati ha mostrato che l’esposizione a livelli più elevati di particolato fine (PM2,5) era associata a un aumento dell’8% del rischio di AMD.

L’esposizione a tutti gli altri inquinanti, ad eccezione del particolato grossolano, era associata a cambiamenti negativi nella retina dell’occhio.

L’età è il più grande fattore di rischio per l’AMD

Il dottor Mark Fromer, chirurgo oculista onorario della polizia di New York e direttore sia per i New York Rangers che per la World Oyama Karate Organization, ha affermato che i risultati di questo studio dovrebbero essere presi “con le pinze”.

“Non so cosa puoi fare con queste informazioni”, ha detto Fromer. “Dopo aver letto l’articolo, come si modifica contestualmente la quantità di inquinamento atmosferico in una data società se abbiamo già così tante leggi in atto per ridurlo?”

Ha detto che l’età è il fattore di rischio numero uno per AMD e che anche l’aspettativa di vita più lunga è un fattore.

“Le persone che vivono in paesi sottosviluppati generalmente non vivono così a lungo”, ha detto Fromer. “Quindi, le nazioni industrializzate potrebbero avere più inquinamento, ma poi di nuovo immagino che non sia completamente vero, perché puoi avere paesi che hanno una grande quantità di inquinamento che sono sottosviluppati perché le leggi non mantengono basso l’inquinamento”.

Fromer ha detto che ci sono cose che le persone possono fare da sole per mantenere i loro occhi sani: non fumare, seguire una dieta ben bilanciata, mantenere un peso moderato e gestire i fattori di rischio di ipertensione e malattie cardiache.

“Penso che le persone dovrebbero prestare attenzione a queste cose che possiamo effettivamente cambiare e non aspettare che la società le cambi per noi – allora avranno più fortuna nel preservare la loro vista”, ha detto Fromer.

Fromer ha sottolineato che vede una grande disparità nei tassi di AMD tra i quartieri più ricchi e quelli a basso reddito in cui lavora.

Dal momento che questi quartieri sono a sole 10 miglia di distanza, “sono disposto a scommettere che quei quartieri hanno gli stessi livelli di inquinamento”, ha detto.

Una delle ragioni di queste disparità potrebbero essere le disuguaglianze sanitarie tra le aree a basso reddito, inclusa la mancanza di accesso alle cure preventive.

Tirando le somme

I ricercatori nel Regno Unito hanno scoperto che l’inquinamento atmosferico può essere significativamente associato allo sviluppo della degenerazione maculare legata all’età (AMD) che può portare alla perdita della vista.

Ma gli esperti dicono che sebbene i fattori ambientali e genetici possano causare l’AMD, l’età è ancora il principale fattore di rischio per la malattia. Mantenere uno stile di vita sano è la prevenzione più efficace.