Sei incinta e vuoi farti un tatuaggio? È meglio che aspetti… ecco perché

Una donna incinta può farsi un tatuaggio? O è meglio aspettare la fine della gravidanza? Ecco cosa ha detto un'esperta.

0
tatuaggio

Quando una donna scopre di essere incinta deve aspettare o no il parto prima di potersi fare un tatuaggio?

Ebbene, stando a quanto affermato dalla dottoressa Holly Cummings, professoressa assistente di Ostetricia e clinica ginecologica a Philadelphia (Stati Uniti d’America), sarebbe meglio aspettare il termine di una gravidanza prima di farne uno.

Poi, incinta o meno, come si legge su Maxisciences.com, la prima cosa da tenere in considerazione quando decidiamo di sottoporci a un tatuaggio è il rispetto delle regole igieniche da parte del tatuatore: aghi monouso, paia di guanti cambiati per ogni cliente, attrezzature sterilizzate… tutto cose necessarie per evitare la trasmissione di malattie come l’epatite B e l’Aids.

La dott.ssa Cummings, a Women’s Health, ha spiegato che “se una persona ha una di queste malattie durante la gravidanza, può aumentare il rischio per il paziente e il feto“.

La composizione dell’inchiostro del tatuaggio è stata controversa dopo la pubblicazione di uno studio dell’Agenzia europea per le sostanze chimiche secondo cui molti componenti contenuti in esso sono cancerogeni.

Alcuni inchiostri per i tatuaggi contengono metalli pesanti come piombo, mercurio e arsenico“, ha affermato la dottoressa Holly Cummings. E ciò spiega che il momento più delicato per avere un tatuaggio è il primo trimestre di gravidanza, “quando il feto cresce più velocemente e forma i suoi organi“.

Quindi, non ci sono regole specifiche per il tatuaggio durante la gravidanza ma se non conosciamo la composizione dell’inchiostro, è meglio chiedere al tatuatore o aspettare la conclusione della gravidanza.