Scrub viso e corpo: per una pelle liscia come quella di un bebè!

Lo scrub è uno dei numerosi trattamenti di cura e bellezza del viso e del corpo che ogni donna conosce, anche se in realtà questa conoscenza non sempre può dirsi completa.

Lo scrub è uno dei numerosi trattamenti di cura e bellezza del viso e del corpo che ogni donna conosce, anche se in realtà questa conoscenza non sempre può dirsi completa. Magari applichiamo lo scrub in maniera errata o facendone un uso eccessivo o al contrario minimo, senza sapere però cosa significhi veramente e quale sia la sua importanza.

Come viene spiegato anche sul sito di Nivea, lo scrub fa riferimento alle operazioni di esfoliazione della pelle – eseguite con una crema a base di micro granuli o un guanto in tessuto –  che viene trattata per eliminare le cellule cutanee morte. In altre parole, lo scrub consente di dare maggiore spazio alle cellule giovani, per una pelle più sana, liscia e luminosa. 

L’importanza dello scrub per il viso

Quando lo scrub viene applicato al viso, ha il compito di rivitalizzare la pelle, andando ad eliminare lo strato di cute morta che soffoca le cellule giovani. In pratica, grazie allo scrub, diamo la possibilità alla cute giovane di respirare, favorendo l’ossigenazione dei tessuti. Naturalmente questa fase possiede molti altri vantaggi: aiuta infatti ad eliminare tutte le impurità superficiali e consente di migliorare la fase di rigenerazione cellulare. Infine, potenzia la capacità della pelle di assorbire i liquidi e i nutrienti, come una buona crema idratante od un olio-viso specifico.

L’importanza dello scrub per il corpo

I vantaggi appartenenti allo scrub per il corpo sono praticamente gli stessi di quelli ottenuti con l’esfoliazione della pelle del viso. Inoltre, liberando la pelle dal suo strato superficiale, va a favorire il microcircolo, creando dei grandi vantaggi specifici quali il favorire la lotta contro la cellulite, ma anche enfatizza la possibilità di ottenere maggiori risultati dalle creme (e dai trattamenti snellenti) che riescono ad essere assorbite in maniera più veloce ed efficace. Infine lo scrub – a dispetto dei luoghi comuni – non cancella l’abbronzatura ma la migliora.

Esempi di scrub naturali o chimici

Esistono diverse tipologie di scrub: alcune sono naturali e possiamo applicarle anche con il fai-da –te mescolando, ad esempio, dello yogurt magro e lo zucchero di canna. Altre sono invece chimiche, è possibile richiederle presso i centri estetici, e sono spesso a base di elementi come l’acido glicolico. Chiaramente queste ultime richiedono la preparazione di un team di professionisti, per una questione relativa alle percentuali dell’acido che, se mal gestite, possono creare problemi che è preferibile evitare.

Quando è utile e come fare lo scrub

Le giuste tempistiche dipendono dall’età – una pelle giovane è diversa per molti versi da una pelle matura – e dal caso specifico, in quanto si va da un paio di applicazioni a settimana fino ad arrivare ad un paio al mese. Diciamo che, in media, lo scrub al viso andrebbe ripetuto una volta ogni 2 settimane e quello corporeo ogni 3 settimane/1 mese.

Per quanto riguarda l’applicazione, il consiglio è di effettuare dei delicati massaggi circolari per un paio di minuti circa al viso e applicare la stessa gestualità per il corpo, salendo dal basso verso l’alto per aiutare a riattivare la circolazione. Si consiglia inoltre di applicare sempre prodotti appositi una volta concluso il massaggio ed aver accuratamente risciacquato ed asciugato sia il viso che il corpo, dato che la cute è più molto sensibile e soggetta ad irritazioni in quella fase.

Che sia uno scrub fai-da-te oppure acquistato, è sempre bene far si che sia il prodotto (o un insieme di prodotti) giusto per la nostra tipologia di pelle. Se avete un dubbio o desiderate essere sicure di non combinare guai potete sempre rivolgervi ad un buon dermatologo che vi darà i consigli giusti per uno scrub efficace che vi donerà una pelle splendente e delicata, come quella di un bimbo, in tutta tranquillità.