Salti la colazione e ceni tardi? Secondo gli scienziati stai rischiando grosso…

Uno studio ha scoperto che saltare la colazione e cenare tardi può creare gravi problemi alla salute. Ecco quali.

0

Saltare la colazione e fare pranzo o cena tardi potrebbe creare seri danni alla salute. Lo dice uno studio.

Come si apprende dal Daily Mail, infatti, gli scienziati hanno scoperto che le persone che saltano spesso il pasto del mattino e mangiano regolarmente meno di due ore prima di andare a letto hanno molte meno probabilità di sopravvivere in caso di infarto.

Gli esperti sostegono che spostare la maggior parte del consumo di cibo nella prima parte della giornata dà al corpo una migliore possibilità di bruciare le calorie e di mantenere un equilibrio ormonale più sano. Inoltre, chi mangia bene al mattino, ha meno probabilità di fare spuntini durante il giorno.

I ricercatori della São Paulo State University in Brasile hanno monitorato 113 persone che hanno sofferto di attacchi di cuore.

Il team ha riscontrato che il 57% dei partecipanti ha saltato la colazione almeno tre volte a settimana, il 51% ha cenato tardi tre volte a settimana e il 41% ha saltato la colazione e mangiato la cena tardi.

I ricercatori hanno anche scoperto che in coloro che regolarmente hanno saltato il pasto del mattino e hanno mangiato entro due ore dall’andare a letto è stato riscontrata una probabillità di 4 – 5 volte maggiore di subire un attacco cardiaco.

Gli accademici, che hanno pubblicato i risultati sull’European Journal of Preventive Cardiology, hanno spiegato che cambiare il modo in cui le persone mangiano sarebbe un modo semplice per migliorarne la salute.

Il capo dello studio, il dott. Marcos Minicucci, ha dichiarato: “La nutrizione è un modo relativamente economico e facile per migliorare la prognosi” e ha raccomandato un intervallo minimo di due ore tra la cena e il momento di andare a letto.

Si dice che il modo migliore di vivere sia fare colazione da re – ha aggiunto – una buona colazione di solito è composta da prodotti caseari come il latte senza grassi, lo yogurt e il formaggio; un carboidrato (pane integrale e cereali…) e un frutto. Dovrebbe contenere dal 15 al 35 per cento del nostro apporto calorico giornaliero totale“.

I ricercatori hanno affermato che le persone che saltano la colazione e fanno cena tardi hanno anche maggiori probabilità di avere altre abitudini malsane, come il fumo e bassi livelli di attività fisica.

Il dott. Minicucci ha dichiarato: “La nostra ricerca mostra che i due comportamenti alimentari sono collegati in modo indipendente con gli esiti peggiori dopo un infarto ma anche avere una serie di cattive abitudini può peggiorare le cose. Le persone che lavorano fino a tardi possono essere particolarmente suscettibili a cenare tardi e, quindi, a non avere fame al mattino. Pensiamo anche che la risposta infiammatoria, lo stress ossidativo e la funzione endoteliale potrebbero essere coinvolti nell’associazione tra i comportamenti alimentari malsani e gli esiti cardiovascolari“.

Seguici anche su News Republic. Scarica l’APP, è gratis: