Resuscitato il cervello di maiali decapitati

I neuroscienziati dell'università di Yale (USA) hanno deciso di rimettere in attività i cervelli maiali morti poche ore dopo essere stati decapitati in un macello locale.

0

La notizia è riportata dal MIT Technology Review.

I neuroscienziati dell’università di Yale (USA) hanno deciso di rimettere in attività i cervelli di 100 – 200 maiali morti poche ore dopo essere stati decapitati in un macello locale.

Grazie a un sistema chiamato BrainEx, composto da pompe e riscaldamento, gli studiosi hanno ripristinato la circolazione del sangue negli organi fino a 36 ore di fila.

Il cervello di questi animali non hanno nessuna coscienza, ne sono sicuro“, ha affermato il capo squadra durante una riunione di presentazione al National Institutes of Health, con lo scopo di raccogliere fondi per continuare la ricerca. I cervelli ‘resuscitati’ avevano in effetti un encefalogramma piatto.

Nonostante ciò, la dissezione ha mostrato un’ottima conservazione dei tessuti e la presenza dei neuroni in grado di produrre azioni potenziali. In sintesi, sarebbe probabilmente stato possibile generare attività elettrica in questi cervelli manipolati ex vivo.

E le conseguenze etiche? Staremo a vedere.

Intanto, quest’esperienza ricorda il lavoro del Dr. Laborde. Nel 1885, questo audace neurofisiologo si procurò la testa di un certo Gagny, appena decapitato per i suoi crimini, e ripristinò la circolazione sanguigna. Fortunatamente, la ‘cavia’ non ha mai dato alcun segno di coscienza, forse perché era nutrita con sangue di manzo…

Un secolo e mezzo dopo chi può giurare che tali esperienze non si ripetano?

Commenti