Questa donna ha una malattia genetica che la fa apparire più grande della sua età

Si chiama Tiffany Wedeking, originaria dell'Ohio (USA). Anche suo fratello ha avuto la stessa malattia ma, purtroppo, non ce l'ha fatta.

0

Secondo il National Human Genome Research Institute, la progeria (o sindrome di Hutchinson-Gilford) è una malattia genetica, caratterizzata da un invecchiamento drammatico e prematuro.

Ciò significa che le persone cominciano a sembrare anziane già da giovani e, spesso, è letteralmente impossibile per i non specialisti individuare la loro vera età.

Tiffany Wedekind, originaria dell’Ohio (Stati Uniti d’America), soffre di questa malattia che colpisce una persona su 50 milioni. Alla donna è stata diagnosticata la progeria quando aveva circa 20 anni.

Nel video qui sotto, Tiffany ha 41 anni ma sembra molto più vecchia:

Tiffany non è l’unica della famiglia che soffre di progeria, perché anche a suo fratello è stata diagnosticata ma è purtroppo deceduto a causa delle complicazioni.

Di solito, ai bambini viene diagnosticata questa malattia nei primi anni di vita e non vivono oltre l’adolescenza.

Nonostante la progeria, Tiffany cerca di vivere la vita al massimo e di goderne ogni momento.

Come si legge qui, la progeria causa nel bambino l’insorgere di malattie tipiche degli anziani, quali la malattia coronarica.

Si tratta di una malattia genetica che si verifica per una mutazione de novo e raramente viene ereditata, infatti i pazienti con queste patologie non vivono tanto da potersi riprodurre. Anche se il termine progeria viene applicato in senso stretto a tutte le malattie caratterizzate da sintomi di invecchiamento precoce, viene spesso applicata in particolare riferimento a sindrome di Hutchinson-Gilford (HGPS). Gli scienziati sono particolarmente interessati allo studio della progeria perché potrebbe rivelare indizi sul normale processo di invecchiamento.

Commenti