Quanto tempo possiamo vivere senza mangiare?

Mangiare è di solito un piacere. Ma è anche una condizione sine qua non per la nostra sopravvivenza. Per quanto tempo il nostro corpo può davvero andare avanti senza cibo?

0

Camminare, parlare, lavorare o giocare. Per vivere il nostro corpo ha bisogno di energia, ovvero proteine, carboidrati e grassi che si trovano nei cibi che mangiamo.

Ora, si dice che non si possa vivere più di 30 giorni senza mangiare e più di 3 giorni senza bere (e neanche più di 3 minuti senza respirare).

Ebbene, uno studio condotto da un gruppo di medici su coloro che hanno optato per lo sciopero della fame tra il 2003 e il 2004 ha mostrato che un adulto medio può resistere fino a 80 giorni senza mangiare, tuttavia finché continui, in parallelo, a bere acqua. E la durata del digiuno potrebbe essere ancora più lunga per le persone obese, ovvero fino a 100 giorni perché hanno riserve di energia iniziali più alte.

Gli effetti sul corpo della mancanza di cibo

Quando smettiamo di mangiare, il nostro corpo attinge alle sue riserve. Solo poche ore dopo l’ultimo pasto, la mancanza di carboidrati e acqua comincia a farsi sentire. Il nostro corpo, di conseguenza, per circa 72 ore, fa uso delle riserve di zuccheri e cominciamo a perdere peso.

Dopo le prime due settimane di digiugno, il corpo comincia ad attingere anche alle riserve di grasso e la debolezza comincia a farsi sentire. Di conseguenza, la frequenza cardiaca diminuisce e la pressione sanguigna scende.

Perciò, il corpo avverte la necessità di attingere anche alle riserve di proteine, avviandosi così il degradamento dei tessuti. Perciò, si comincia a soffrire di mal di testa, difficoltà di concentrazione, dolori muscolari, ecc. Quando, infine, le proteine perse superano la soglia del 30 – 50%, si registrano maggiori complicazioni e diventa difficile sopravvivere.

Commenti