Quando un cane si lecca spesso il sedere può essere un problema

Può capitare che un cane si lecchi il sedere ma se succede spesso allora può essere un problema medico. Ecco cosa è meglio sapere.

0
cane-lecca-sedere

Non è affatto raro che i cani si lecchino spesso il sedere. Il problema, però, sorge quando è un’azione continua e ripetuta nel tempo.

Ora, le ghiandole perianali (comunemente chiamate sacche) nei cani sono due: una su ciascun lato dell’ano. Esse producono un liquido molto odoroso e piccole quantità di esso vengono rilasciate ogni qual volta l’animale defeca. Questa sostanza è probabilmente usata per marcare il territorio e spaventare i predatori.

Occasionalmente, però, le sacche anali diventano un problema medico. Non esiste una specifica razza, colore o taglia che sia predisposta a svilupparne uno. Per nessun motivo apparente, alcuni animali hanno un disagio e altri no. Inoltre, i cani sono più colpiti rispetto ai gatti.

Un veterinario, quindi, consigliare la rimozione chirurgica delle sacche anali se necessario. Si tratta di una procedura delicata, non senza rischi:

  • C’è un piccolo rischio di infezione. Sebbene l’area sia accuratamente lavata prima dell’intervento chirurgico, operare vicino all’ano non è una procedura del tutto stabile. Inoltre, il contenuto delle sacche anali è sporco e pieno di batteri;
  • C’è un piccolo rischio di disagi futuri se l’intera sacca non viene rimossa. Anche se un piccolo pezzo viene lasciato, può causare un’infezione ritardata. Pus e / o secrezioni traspireranno costantemente attraverso un piccolo buco nella pelle vicino all’ano. Ciò richiederà un secondo intervento chirurgico per rimuovere il tratto drenante e il tessuto che causa il problema;
  • C’è anche un piccolo rischio di incontinenza. La continenza o la capacità di controllare le feci è l’opposto dell’incontinenza. Quando un cane è incontinente, defeca praticamente ovunque, senza nemmeno esserne consapevole. La continenza è controllata da un muscolo chiamato sfintere anale. In realtà, ce ne sono due: uno all’interno e uno all’esterno. Le sacche anali si trovano tra i muscoli dello sfintere esterno e interno. Quindi, per rimuovere una sacca anale, non c’è scelta: bisogna tagliare lo sfintere, per cui c’è il rischio di incontinenza se il muscolo sottile non viene suturato perfettamente alla fine dell’intervento.

Una volta asportate le sacche si può procedere a una biopsia per individuare la condizione che ha portato al disagio il cane e può essere riscontrata la sacculite anale cronica che è benigna, ovvero un’irritazione continua alle sacche anali.

Commenti