Quale tipo di materasso per il mal di schiena? I 5 modelli

Il riposo notturno è diventato un problema, ti risvegli continuamente e la mattina – appena alzato – senti un dolore alla schiena. Hai deciso di cambiare materasso e ti stai ponendo il problema della scelta: ti aiutiamo noi con questa piccola guida.

Mal di schiena: verso la scelta del materasso giusto per te

Il momento del sonno è uno dei ritagli lunghi della giornata che tanto viene atteso. Dormire bene la notte vuol dire assicurarsi un risveglio sereno e senza ‘lune storte’.

A volte però questo non è più possibile a causa del materasso che si è deteriorato nel tempo: la tua schiena ne sta risentendo e stai pensando di cambiarlo.

Accusi una contrazione muscolare alla parte posteriore del tronco e releghi il problema solamente al materasso.

In realtà, svolgere attività fisica regolarmente sarebbe di supporto e forse questo a te manca: la tua spina dorsale è poco allenata, inoltre quando stai seduto in ufficio la tua schiena non è dritta, la postura è sbagliata.

Adesso vuoi ricorrere al ‘rimedio scorciatoia’, il dolore alla schiena sta aumentando così come le contrazioni, c’è il rischio di un’infiammazione ai nervi che potrebbe portare all’estensione del malessere, anche il collo potrebbe risentirne (si parla di dolore cervicale).

Per dormire bene ed evitare i fastidi (o quanto meno ridurli) è possibile acquistare un materasso che sia adeguato alle tue esigenze di sonno e alle tue problematiche fisiche determinando un miglioramento dei sintomi.

Non esiste il materasso perfetto, ce ne sono di diversi tipi, semmai quello ideale è il materasso che calza bene a te, alle tue caratteristiche antropometriche (peso, conformazione della schiena, etc.), ad eventuali problematiche del rachide, altri disagi fisici (come quelli articolari).

I materassi – come quelli realizzati da Tempur  – sono costruiti su diversi strati e sono prodotti con diversi tipi di materiale. Si è sempre pensato che il materasso dovesse essere quello ‘ortopedico’, rigido.

Evidenze hanno chiarito che la rigidità deve essere media, non troppa, mettendo in risalto la diminuzione dei malesseri fisici con questa soluzione.

Come deve essere il materasso? Deve adattarsi al carico del corpo, restituendone l’energia.

Quindi non a molla (con effetto ritorno) piuttosto deve essere adattabile.

Il mondo dei materassi è classificabile in 5 categorie:

  1. Le classiche molle larghe, tradizionali, molto rigido (sostiene i pesi maggiori).
  2. Materasso a molle ‘insachettate’ in cui ogni molla è indipendente dall’altra adattandosi alle diverse pressioni del corpo (il più richiesto).
  3. Molle indipendenti + memory, garantisce stabilità e morbidezza (una via di mezzo).
  4. Memory, si adatta perfettamente al corpo perché il materiale è sensibile al calore permettendo il rilassamento di tutta la muscolatura ed è un antidecubito. Si adatta a tutti i tipi di pesi.
  5. Lattice, il materiale più elastico esistente. Garante della posizione corretta della colonna vertebrale, si adatta a tutto il corpo.

In base alle tue caratteristiche e a quello che stai cercando, potrai scegliere tra queste 5 categorie di materassi. Troverai quello più adatto a te.