Presbiacusia: i sintomi quando l’udito comincia a diminuire

Il declino dell'udito correlato all'età è un fenomeno normale come la presbiopia oculare. La presbiacusia, infatti, riguarda principalmente i pazienti di età superiore ai 50 anni.

0

Il declino dell’udito correlato all’età è un fenomeno normale come la presbiopia oculare. La presbiacusia, infatti, riguarda principalmente i pazienti di età superiore ai 50 anni.

Questo problema è irreversibile ma può essere risolto da apparecchi acustici e altri dispositivi.

Primo sintomo: difficoltà a comprendere le parole

Come spiegato su Femme.Actuelle.Fr, all’inizio la perdita dell’udito si manifesta con difficoltà a comprendere le parole. La persona ascolta i suoni ma non distingue le parole pronunciate. Inoltre, un individuo con l’udito decrescente tende anche a parlare più forte del normale.

Acufene

Ronzio, fischio… Questa disfunzione del sistema uditivo indipendente dai suoni esterni è chiamata acufene. Può essere correlato alla presbiacusia. L’acufene può essere molto fastidioso, può disturbare la concentrazione e causare insonnia. Se persiste, si consiglia  di consultare un medico.

Da CronacaSocial: Le fave dei morti, come si preparano.

I suoni acuti sono meno udibili

Le cellule più colpite dalla presbiacusia trattano i suoni acuti. Poiché le voci di donne e bambini tendono ad essere più acute, è durante le conversazioni con loro che si possono manifestare i primi disturbi. La voce degli uomini, più seria, rimane udibile. Il deficit si riscontra anche quando ci si trova in ambienti rumorosi ma anche davanti alla televisione, durante le riunioni, al ristorante, a teatro o al cinema.

Apparecchi acustici

Quando si è disturbati dalla perdita dell’udito correlata alla presbiacusia è possibile indossare gli apparecchi acustici. Sarà, quindi, necessario effettuare un esame e ottenere una prescrizione medica. L’audioprotesista farà, quindi, riferimento a diversi tipi di apparecchi acustici.

È possibile ritardare la presbiacusia

L’Organizzazione Mondiale della Sanità consiglia di proteggere le orecchie dai rumori forti, di non inserire oggetti nelle orecchie o liquidi diversi dai farmaci prescritti da un medico, di consultarne uno in caso di dolore auricolare, seguire un’alimentazione sana e una regolare attività fisica per evitare l’ipertensione o il diabete, malattie che predispongono alla perdita dell’udito.

Da VoceControCorrente: Cosa pensa Di Maio sulla tassa sulla plastica.