Preoccuparsi troppo può avere conseguenze fisiche

Pensi di preoccuparti troppo? La verità è che la preoccupazione provoca ansia, che a sua volta può avere conseguenze fisiche sul nostro corpo.

0
stress

Pensi di preoccuparti troppo? La verità è che la preoccupazione provoca ansia, che a sua volta può avere conseguenze fisiche sul nostro corpo.

Le persone che si preoccupano troppo, infatti, possono soffrire di ansia e attacchi di panico.

Nel caso di un problema di salute mentale, si diventa sensibili all’ambiente e alle critiche altrui. Un’eccessiva preoccupazione può influire sulla vita quotidiana e interferire con l’appetito, lo stile di vita, le relazioni, il sonno e il lavoro.

L’ansia è una normale reazione allo stress. Tuttavia, tale stato continuo può essere il risultato di una condizione, come l’ansia generalizzata, il disturbo di panico o l’ansia sociale.

Questa emozione si manifesta in molti modi e non discrimina tra età, genere o razza.

Le persone che si preoccupano troppo reagiscono rapidamente e intensamente a situazioni stressanti o scatenanti. Anche solo pensare a una situazione può portare a preoccupazioni croniche, grande angoscia e impotenza.

Le preoccupazioni eccessive, la paura o l’ansia costante sono dannose quando la persona diventa così irrazionale che non riesce più concentrarsi sulla realtà.

Quando ciò accade, si possono sperimentare sintomi fisici reali.

Lo stress deriva dalle richieste e dalle pressioni che affrontiamo ogni giorno. Lunghe code nei negozi, traffico nelle ore di punta, telefoni cellulari che squillano all’infinito o una malattia cronica sono tutti esempi di cose che possono causare stress nella vita di tutti i giorni. Quando le preoccupazioni e l’ansia diventano eccessive, è probabile che s’inneschi una risposta allo stress.

Il sistema nervoso, di conseguenza, rilasci gli ormoni dello stress, come il cortisolo. Questi ormoni aumentano i livelli di zuccheri nel sangue e i trigliceridi che possono essere utilizzati dal corpo come combustibile.

Gli ormoni portano anche a reazioni fisiche come:

  • pressione sanguigna alta;
  • difficoltà a deglutire;
  • vertigini;
  • bocca secca;
  • battito cardiaco accelerato;
  • affaticamento;
  • mal di testa;
  • incapacità di concentrazione;
  • irritabilità;
  • dolore muscolare;
  • tensione muscolare;
  • nausea;
  • energia nervosa;
  • respiro pesante;
  • respirazione difficoltosa;
  • sudorazione;
  • tremori e spasmi;
  • soppressione del sistema immunitario;
  • disturbi digestivi;
  • perdita di memoria a breve termine;
  • malattia cardiaca prematura;
  • infarti.

Nel caso in cui un’ansia eccessiva non sia curata, può portare a depressione e suicidio.

È importante, di conseguenza, parlare con un medico ed eseguire un controllo completo per assicurare che altri problemi di salute non alimentino l’ansia. Sebbene un’eccessiva preoccupazione e ansia possa causare uno squilibrio nel corpo, ci sono molte opzioni per ristabilire l’armonia di mente, corpo e spirito.

ESERCIZIO QUOTIDIANO

Le sostanze chimiche prodotte durante l’esercizio fisico sono decisamente utili per migliorare il funzionamento del sistema immunitario. L’esercizio è anche un buon modo per allenare il corpo ad affrontare le tensioni.

ALIMENTAZIONE SANA ED EQUILIBRATA

Le preoccupazioni fanno sì che alcune persone mangino troppo poco, altre troppo o consumino cibi non salutari. Bisogna tenere in mente la salute quando si va davanti al frigo. La caffeina stimola anche il sistema nervoso, che può aumentare l’ansia.

CONSAPEVOLI DELLE PREOCCUPAZIONI

Bisogna mettere da parte 15 minuti ogni giorno per concentrarci su se stessi. Alcune persone usano giocattoli anti-stress, come una palla. Bisogna fare tutto il possibile per ricordare a se stessi di smettere di pensare alle preoccupazioni.

IMPARARE A RILASSARSI

Le tecniche di rilassamento possono aumentare l’autocontrollo durante le situazioni stressanti. Con il rilassamento, il flusso di sangue al cervello aumenta e le onde cerebrali cambiano da un ritmo di allerta beta a un ritmo rilassato alfa. Praticato regolarmente, le tecniche di rilassamento possono contrastare gli effetti debilitanti dello stress. Tali tecniche comprendono la meditazione, l’ascolto di musica rilassante e attività come lo yoga o il tai chi.

PARLARE CON UN TERAPISTA

Una valutazione psicologica può aiutare a sviluppare le giuste strategie per affrontare i problemi che scatenano le preoccupazioni eccessive. Il terapeuta può aiutare a identificare quali tipi di pensieri e convinzioni causano l’ansia. Il terapeuta può suggerire i modi per affrontarla.

Commenti