Perché una mela al giorno toglie il medico di torno?

Una ricerca italiana ha spiegato perché le mele sono così salutari per il nostro organismo.

Se una mela al giorno toglie il medico di torno è merito non solo della mela, ma anche della nostra flora batterica intestinale. La scoperta è arrivata da uno studio tutto italiano della Fondazione Edmund Mach (Fem) dell’Istituto agrario di San Michele all’Adige e del Consiglio per la ricerca in Agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA).

Partiamo, però, dal frutto. È risaputo che la polpa e la buccia contengono i polifenoli, molecole anti-infiammatorie, anti-diabete e anti-cancro. E questo già garantisce al frutto delle proprietà importantissime per la salute del nostro organismo. Ma non è tutto.
Se questi polifenoli risultano essere così efficaci per noi è merito del cosiddetto microbiota intestinale (l’insieme di microrganismi che vivono nell’intestino) e di come agisce su queste molecole.

[amazon_link asins=’B078VZK1QS,B07BSW5H44,B078QD6XXL,B07795W2KW,B073CDLRRJ,B008LVMB5M,B00ABL33MA,B00B6D02SU,B06XXC8WS5′ template=’ProductCarousel’ store=’gianbolab-21′ marketplace=’IT’ link_id=’a904e1a4-74b2-11e8-b61b-6381207b0807′]

Lo studio, infatti, ha focalizzato l’attenzione sulla ‘nutricinetica’, cioè il percorso che le sostanze nutritive compiono all’interno del nostro organismo, e ha scoperto che le proprietà antiinfiammatorie, antitumorali e anti-diabetiche dei 110 polifenoli delle mele vengono attivati proprio dai batteri intestinali. Insomma, se le mele fanno così bene è merito anche del nostro organismo.

Tuttavia, come hanno spiegato i ricercatori, la quantità e la persistenza di ognuna di queste molecole nel nostro organismo varia da individuo a individuo. Ad influenzarle sono non soltanto la genetica, ma anche la composizione microbiotica intestinale che, ovviamente, è differente da persona a persona.