Perché si misura l’ematocrito? Cosa significa quando è alto o è basso?

L'ematocrito si riferisce alla proporzione dei globuli rossi contenuti nel sangue rispetto al volume totale del sangue.

L’ematocrito si riferisce alla proporzione dei globuli rossi contenuti nel sangue rispetto al volume totale del sangue. Eseguito durante un emocromo, l’ematocrito è generalmente espresso in percentuale.

Attualmente esistono dispositivi elettronici in grado di determinare il livello di ematocrito dal numero di globuli rossi e dal loro volume cellulare.

L’ematocrito varia da persona a persona. Normalmente è compreso tra il 35% e il 55% ma il suo valore dipende dal sesso e dall’età. Ad esempio, l’ematocrito è generalmente compreso tra il 40% e il 50% per gli uomini e tra il 37% e il 46% per le donne. Nei neonati, l’ematocrito è più alto.

Un alto livello di ematocrito può significare un’eccessiva produzione di cellule del sangue a seguito dell’assunzione di prodotti dopanti. Ad esempio, l’assunzione di eritropoietina (EPO) aumenta la quantità dei globuli rossi.

Ma un ematocrito alto può anche essere segno di disidratazione, caratterizzata da una perdita di acqua dal plasma sanguigno, o di una patologia: cancro o malattia che colpisce il cuore o il midollo osseo. Al contrario, un basso livello di ematocrito può essere dovuto all’anemia (mancanza di ferro) o a un’emorragia.

Negli atleti un ematocrito elevato può significare una migliore salute fisica perché più globuli rossi ci sono nel sangue, più ossigeno l’organismo può fornire ai muscoli. Ma un ematocrito troppo alto può anche avere conseguenze dannose: se il sangue contiene più globuli rossi, sarà più viscoso e circolerà più difficilmente nei piccoli vasi sanguigni, quindi aumentando il rischio di trombosi e ictus.