Pandemia e salute mentale, come ci sentiremo dopo?

Quando sarà finita la pandemia - secondo gli esperti - molti vivranno i sintomi del Disturbo Post Traumatico da Stress, ci vorrà un periodo di adattamento...

  • La pandemia ha avuto un enorme impatto sulla salute mentale di molte persone in tutto il mondo. Molti hanno lottato con lo stress e l’ansia causati dalla prima ondata di blocchi.
  • Quando la vita pubblica tornerà alla normalità, gli esperti avvertono che per alcune persone potrebbe esserci un effetto persistente simile al PTSD (Disturbo Post Traumatico da Stress).
  • Molte persone hanno perso una persona cara o hanno vissuto un isolamento prolungato che può esacerbare i problemi di salute mentale sottostanti.

Le vaccinazioni sono in aumento, i decessi in diminuzione ma questo non cancella i 121.000 decessi dell’ultimo anno, le lacrime dei familiari, i lutti da affrontare. Per altri, le esperienze traumatiche in ospedale a combattere tra la vita e la morte, per altri ancora i periodi lunghi di isolamento dagli affetti più cari. Tutte esperienze che hanno un forte impatto sulla salute mentale.

Ci si prepara a tornare lentamente alla ‘normalità’ e alcune persone potrebbero subire i sintomi postumi della pandemia: molti hanno combattuto con l’ansia e lo stress, altri hanno perso il lavoro e si trovano in un’insicurezza finanziaria.

Per molti – secondo gli esperti – potrebbero esserci degli effetti simili a quelli del Disturbo Post Traumatico da Stress a causa della perdita di persone care, dell’isolamento prolungato o dell’esacerbazione di problemi di salute mentale sottostanti.

Il bilancio dell’anno trascorso

Quelli che vi forniremo sono dei dati rilevati da un nuovo studio attendibile condotto da ricercatori dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) e del Census Bureau.

Lo studio ha rilevato che tra il 19 agosto 2020 e il 1 febbraio 2021, il numero di persone che hanno manifestato sintomi di ansia o depressione negli ultimi 7 giorni è aumentato dal 36,4 al 41,5%.

Molti hanno sentito il bisogno di un consulto con un professionista della salute mentale anche se non l’hanno ricevuto, nelle ultime 4 settimane sono aumentati dal 9,2 all’11,7%.

Non c’è dubbio che sarà necessario un periodo di adattamento affinché le persone si sentano di nuovo a proprio agio, anche se il periodo di tempo può variare a seconda del proprio livello di isolamento durante la pandemia“, ha detto Jenna Carl, PhD, psicologa praticante e autorizzata e vicepresidente dello sviluppo clinico e degli affari medici presso Big Health, una società di terapie digitali.

La dottoressa Tara Swart, neuroscienziata, autrice e docente senior presso la Sloan School of Management del MIT, ha detto che mentre alcune persone proveranno eccitazione, altre proveranno paura ed esitazione quando la pandemia finirà.

Swart ha sottolineato che quando le persone inizieranno a riprendere le normali attività potrebbero sentirsi stanche.

Le riaperture “saranno probabilmente accompagnate da un periodo di adattamento, che potrebbe comportare un abbassamento dell’umore a causa dello stress dell’incertezza e del dover prendere decisioni a cui non siamo più abituati o che non dovevamo prendere prima“, ha detto Swart.

Ciò richiederà uno sforzo maggiore da parte del cervello e potrebbe portare a stanchezza mentale. Anche le persone che accettano il rientro hanno la possibilità di essere sovrastimolate cambiando le cose troppo velocemente e poi sentendosi esauste“, ha detto.

Swart ha aggiunto che le persone possono anche provare elementi di ansia sociale o agorafobia quando incontrano folle sui mezzi pubblici o nella loro vita quotidiana.

Ha detto che lo stress e il cambiamento portano sempre uno stato di shock per il sistema: irritabilità o incapacità a regolare emozioni come la rabbia, loop di pensieri negativi, ansia, depressione e poi accettazione e responsabilità.

È probabile che li attraverseremo più volte fino a quando non verrà stabilita e sostenuta una nuova normalità“, ha detto Swart. “Questo potrebbe manifestarsi (come nell’ultimo anno) come insonnia, sogni di ansia, problemi di pelle.”

Briony Leo, una psicologa clinica, ha detto che per molte persone uscire dopo tanto tempo a casa sarà “un po’ ‘ansiogeno“.

Anche stare in casa con altre persone sembrerà strano, specialmente con l’ulteriore livello di consapevolezza di respirare l’aria degli altri e avvicinarsi“, ha detto Leo, che è anche capo del coaching di Relish, un’app per le relazioni.

Gli esperti dicono che le persone possono combattere con alcuni di questi problemi persistenti, stimolando se stessi e anticipando l’ansia iniziale.

Una buona regola pratica è essere preparati per molte emozioni diverse e accettarle come normali“, ha detto Leo.

Non è normale essere rinchiusi per un anno, quindi quando torneremo alle nostre vite normali, avremo bisogno di un periodo di adattamento affinché le cose si sistemino. Quindi, fai spazio a forti emozioni e se sono angoscianti o persistenti per più di una settimana o giù di lì, prenota una seduta con un terapista comprensivo per parlare“, ha detto.