Quali sono gli orari per mangiare per un diabetico?

Comprendere le strategie nutrizionali non può che rendere la qualità di vita migliore per un diabetico.

  • Il diabete è un disturbo metabolico che può condurre a danni agli occhi e al cuore.
  • I ricercatori della Northwestern University hanno condotto uno studio per comprendere le strategie nutrizionali migliori per una minore resistenza all’insulina.
  • Ciò che è emerso è che le persone che fanno colazione prima delle 8:30 hanno livelli di zucchero nel sangue più bassi e una minore resistenza all’insulina.

Comprendere le strategie nutrizionali non può che rendere la qualità di vita migliore per un diabetico.

Colazione: gli orari per una minore resistenza all’insulina

I ricercatori della Northwestern University hanno presentato un rapporto all’incontro annuale dell’American Endocrine Society (ENDO 2021) che ha concluso che le persone che fanno colazione prima delle 8:30 hanno livelli di zucchero nel sangue più bassi e meno resistenza all’insulina, che può abbassare il livello di zucchero nel sangue. rischio di diabete di tipo 2.

Scienziati americani hanno analizzato i dati sulla salute e la dieta di oltre 10.500 adulti per vedere come il tempo e la durata della colazione possono influenzare i fattori di rischio per il diabete. Lo studio è stato ispirato da lavori precedenti che suggerivano che mangiare in un periodo di tempo più breve durante il giorno migliora la salute metabolica.

Abbiamo scoperto che le persone che hanno iniziato a mangiare prima avevano livelli di zucchero nel sangue più bassi e meno resistenza all’insulina, indipendentemente dal fatto che limitassero l’assunzione di cibo a meno di 10 ore al giorno o estendessero a più di 13 ore al giorno“, ha detto la ricercatrice principale Marriam Ali di Northwestern University negli Stati Uniti.

L’insulina è un ormone che consente al glucosio di entrare e nelle persone con diabete di tipo 2 non funziona correttamente. Quando ciò accade, la persona interessata corre il rischio di subire gravi complicazioni di salute, come danni agli occhi o al cuore. “Con un aumento dei disturbi metabolici come il diabete, volevamo ampliare la nostra comprensione delle strategie nutrizionali per aiutare ad affrontare questa crescente preoccupazione”, ha chiarito Ali.

Lo studio

Per lo studio, hanno diviso le persone in sei gruppi in base alla durata totale dell’assunzione di cibo (meno di 10 ore durante il giorno, da 10 a 13 ore e più di 13 ore) e se avevano fatto colazione ogni giorno prima o dopo 8.30. Hanno quindi confrontato ciascun gruppo per indagare su come la durata e i tempi del consumo giornaliero potrebbero influenzare i livelli di zucchero nel sangue a digiuno e i livelli stimati di resistenza all’insulina.

Pertanto, sono giunti alla conclusione che la resistenza all’insulina era maggiore tra coloro che mangiavano per un periodo più breve durante il giorno e inferiore in tutti i gruppi che avevano iniziato a mangiare prima delle 8.30 del mattino.

Nel frattempo, i livelli di zucchero nel sangue a digiuno non rappresentano differenze significative tra i gruppi. Questi risultati, secondo il principale ricercatore dello studio, “suggeriscono che il tempo è più fortemente associato alle misure metaboliche e supportano le strategie di alimentazione precoce”.

LEGGI ANCHE: Quali sono i segnali del diabete di tipo 2?