Non va in bagno per giocare ai videogame, bambino rischia la vita

È successo in Inghilterra dove un bambino di 10 anni ha dovuto subire un intervento chirurgico all’intestino.

Soltanto pochi giorni fa l’Organizzazione Mondiale della Sanità l’aveva riconosciuta come malattia mentale e oggi arriva la notizia che un ragazzino inglese di 10 anni ha addirittura rischiato la vita per colpa sua. Stiamo parlando della dipendenza da videogames.

Il ragazzino in questione, come è stato raccontato in una conferenza medica dalla pediatra Jo Begent dello ‘University College London Hospital’ e poi riportato dal ‘Daily Mail’, è stato sottoposto ad un intervento chirurgico d’urgenza all’intestino perché per alcuni giorni non era andato in bagno per non staccarsi dalle sessioni di gioco dei suoi amati videogames.

[amazon_link asins=’8898599048,8868842564,8890582448,8898559070′ template=’ProductCarousel’ store=’gianbolab-21′ marketplace=’IT’ link_id=’53e88e88-7895-11e8-b86c-c594c773a8fd’]

Questa pratica, ha spiegato la dottoressa, aveva dilatato l’intestino del 10enne a tal punto da deformarlo e da richiedere un intervento per evitare conseguenze molto più gravi.
Non è ancora chiaro, invece, perché nessun adulto abbia impedito al giovanissimo di arrivare ad un simile punto.

Oltre ai problemi presentati dal ragazzino in questione, è bene ricordare che il cosiddetto ‘gaming disorder’ provoca anche altre conseguenze negative sulla salute umana: alienazione, disturbi del sonno, problemi alimentari e crisi epilettiche.