Mangiare olio di cocco riduce il rischio di malattie al cuore

Lo dice uno studio britannico. Ecco perché.

Consumare olio di cocco ogni giorno per solo quattro settimane può ridurre il rischio di malattie cardiache e ictus.

Lo suggerisce una ricerca recente.

Kay-Tee Khaw e Nita Forouhi dell’Università di Cambridge hanno condotto lo studio su 94 volontari di età compresa tra i 50 e i 75 anni, nessuno dei quali con una storia di malattie cardiache o diabete, ha riferito l’Independent.

I partecipanti sono stati divisi in tre gruppi e ciascuno di loro è stato invitato a consumare 50 grammi (circa tre cucchiai) di olio di cocco, olio extravergine di oliva o burro non salato ogni giorno per quattro settimane.

Lo scopo è stato analizzare come il consumo regolare di questi grassi influisca sui livelli di colesterolo dei volontari.

Ebbene, nei partecipanti che hanno consumato burro è stato riscontrato un aumento medio del 10% nei livelli di colesterolo LDL, noto come colesterolo cattivo.

Coloro che hanno consumato olio d’oliva hanno, invece, visto una leggera riduzione dei livelli di colesterolo LDL e un aumento del 5% dei livelli di colesterolo HDL, che viene spesso definito il “colesterolo buono“.

Infine, i partecipanti che hanno assunto olio di cocco hanno avuto il più grande incremento dei livelli di HDL con una media del 15%.