Mangia una lumaca per una scommessa, ora è paralizzato

Un giovane, giocatore di rugby, è diventato tetraplegico dopo aver ingoiato, quando aveva 19 anni, una lumaca per onorare una stupida scommessa tra amici.

0

Un giovane australiano, Sam Ballard, giocatore di rugby, è diventato tetraplegico dopo aver ingoiato, quando aveva 19 anni, una lumaca per onorare una stupida scommessa tra amici.

Sfortunatamente, però, la lumaca conteneva un parassita chiamato Angiostrongylus cantonensis, il cui ospite abituale è il topo. Le lumache, infatti, si infettano ingerendo le feci dei roditori.

Spesso le persone infette dal parassita non hanno problemi. Tuttavia, una persona contaminata può contrarre la meningoencefalite, una grave infezione che colpisce le meningi ma anche il cervello. Questo è il caso di Sam, che è finito in coma durato 420 giorni.

Al risveglio, il giovane è tetraplegico. Ha trascorso tre anni in ospedale e la sua cura è stata finanziata dal regime nazionale di assicurazione invalidità, il NDIS, fino a 492mila dollari (circa 397.216 €).

Oggi, il giovane ha 28 anni ed è totalmente dipendente: deve essere alimentato da una sonda gastrica, ha spesso convulsioni ed è paralizzato, costretto a stare sulla sedia a rotelle. La compagnia di assicurazioni ha deciso lo scorso settembre di ridurre lo stanziamento in favore di Sam a 135mila dollari, ovvero circa 108mila euro.

Ora la famiglia cerca fondi per il supporto sanitario.

L’INFEZIONE

L’ingestione del parassita Angiostrongylus cantonensis da parte dell’uomo può eccezionalmente causare meningoencefalite con la paralisi del nervo cranico. L’incubazione dura da 2 a 3 settimane.

Non c’è cura. L’evoluzione è generalmente positiva in poche settimane. Questo parassita viene trasmesso attraverso il tratto digestivo.

I ratti ospitano una forma del parassita che normalmente non infestano gli esseri umani.

Quest’ultimo può essere contaminato da cibo o acqua, dall’ingestione di lumache e crostacei e da piante (tramite un insalata).

I casi avvengono solitamente in Africa, Asia e Oceania.

Commenti