L’uomo più anziano del mondo ha 112 anni. Il suo segreto? I dolci

Le donne, si sa, sono più longeve degli uomini che raramente vivono più di cent'anni. Ma c'è un'eccezione.

0

Le donne, si sa, sono più longeve degli uomini che raramente vivono più di cent’anni.

Ma c’è un’eccezione. Si chiama Masazo Nonaka e ha 112 anni. Secondo il Guinness World Records è l’uomo vivente più anziano.

Nonaka, che vive ad Ashoro, in Giappone, è nato il 25 luglio 1905 – lo stesso anno in cui Albert Einstein introdusse la sua teoria della relatività speciale e il presidente Theodore Roosevelt fu eletto presidente degli USA per la seconda volta.

Nonaka attribuisce la sua longevità al bagno nelle acque termali e a mangiare dolci, reagendo felicemente quando gli è stata presentata una torta per festeggiare la consegna del certificato ufficiale dei Guinness dei Primati.

L’uomo è un fan del pan di Spagna alla fragola ma non disegna nessun altro dessert.

Ama mangiare qualsiasi tipo di dolce, stile giapponese o occidentale“, ha raccontato a AFP la nipote Yuko Nonaka. “Ha bisogno di una sedia a rotelle per muoversi, ma è in buone condizioni… legge giornali ogni giorno“, ha aggiunto.

Nonaka vive con la sua famiglia e ama immergersi nelle sorgenti calde che circondano il bed and breakfast che gestiscono sull’isola di Hokkaido. Gli piace anche guardare il sumo in TV.

Nonaka ha così preso il posto di Francisco Nuñez Olivera morto in Spagna a gennaio all’età di 113 anni.

Nel mondo al momento ci sono soltanto circa 300 super-centenari.

La persona più anziana attualmente sulla lista è la 117enne Nabi Tajima, anche lei giappone. Il record storico per la persona più anziana di sempre è detenuto, invece, da Jeanne Louise Calment dalla Francia, che ha vissuto 122 anni e 164 giorni fino alla sua morte nel 1997.

Le donne, infatti, hanno maggiori probabilità di godere di una vita lunga: circa l’85% dei centenari sono di sesso femminile. Alle età più estreme, 110 anni e più, questo numero cresce fino al 90%.

E, per il momento, non c’è una spiegazione chiara del motivo per cui le donne vivono più a lungo degli uomini.