Lo yogurt contro l’infiammazione cronica. La scoperta di uno studio

L'infiammazione può essere 'buona'. Fa parte del sistema immunitario innato del corpo, la nostra prima linea di difesa da malattie e ferite.

0

L’infiammazione può essere ‘buona’. Fa parte del sistema immunitario innato del corpo, la nostra prima linea di difesa da malattie e ferite.

Tuttavia, se la risposta infiammatoria si protrae troppo a lungo, può portare a una condizione chiamata infiammazione cronica, in cui il corpo si attacca essenzialmente da solo, scatenando il caos biologico su organi e sistemi. L’infiammazione cronica è un caratteristica della malattia infiammatoria intestinale, dell’artrite e dell’asma. È anche associata a obesità, sindrome metabolica, malattie cardiovascolari e altre malattie croniche.

Uno studio recente, descritto in due articoli, tra cui uno pubblicato ieri – 14 maggio – sul Journal of Nutrition, fornisce nuove prove sullo yogurt può aiutare a smorzare l’infiammazione cronica. Lo studio ha esplorato l’ipotesi che lo yogurt possa aiutare a ridurre l’infiammazione migliorando l’integrità del rivestimento intestinale, prevenendo così che le endotossine (molecole pro-infiammatorie prodotte dai microbi intestinali) passino nel flusso sanguigno.

“Volevo esaminare il meccanismo più da vicino e guardare specificamente allo yogurt”, ha spiegato Brad Bolling, professore universitario dellUniversità del Wisconsin-Madison di Scienze alimentari, USA, la cui ricerca si è concentrata sul ruolo del cibo nella prevenzione delle malattie croniche.

Mentre i farmaci anti-infiammatori come l’aspirina, il naprossene, l’idrocortisone e il prednisone possono aiutare a mitigare gli effetti dell’infiammazione cronica, ognuno ha i propri rischi ed effetti collaterali. C’è la necessità di ulteriori opzioni, in particolare trattamenti sicuri, delicati e a lungo termine. I ricercatori hanno esplorato i prodotti lattiero-caseari come un potenziale trattamento alimentare per più di due decenni. I risultati sono stati contrastanti, generando un dibattito scientifico sull’eventualità che i prodotti lattiero-caseari siano pro-infiammatori o anti-infiammatori.

Ci sono stati alcuni risultati contrastanti nel corso degli anni, ma uno studio recente mostra che i risultati puntano più verso il ruolo anti-infiammatorio, in particolare per i latticini fermentati“, ha osservato Bolling, citando un’analisi del 2017 che ha valutato 52 studi clinici.

Lo studio di Bolling ha arruolato 120 donne in premenopausa, metà obese e metà non obese. Alla metà delle partecipanti è stato chiesto di mangiare 340 grammi di yogurt magro ogni giorno per nove settimane. Un gruppo di controllo, invece, ha mangiato budino non da latte per nove settimane.

Questa indagine, tra i maggiori studi per esaminare l’impatto dello yogurt sull’infiammazione cronica, è stata finanziata dal National Dairy Council, un’organizzazione no-profit statunitense.

In vari punti durante lo studio, Bolling e il suo team hanno prelevato campioni di sangue a digiuno dai partecipanti e valutato un assortimento di biomarcatori che gli scienziati hanno utilizzato nel corso degli anni per misurare l’esposizione e l’infiammazione dell’endotossina.

Come descritto nel British Journal of Nutrition lo scorso dicembre, i risultati hanno mostrato che, mentre alcuni dei biomarcatori rimanevano costanti nel tempo, chi ha consumato yogurt ha sperimentato miglioramenti significativi in ​​alcuni marcatori chiave, come il TNF-, una importante proteina che attiva l’infiammazione.

I risultati indicano che il consumo di yogurt potrebbe avere un generale effetto anti-infiammatorio“, ha affermato il dott. Bolling.

Il nuovo studio pubblicato sul Journal of Nutrition si è concentrato su un aspetto diverso dello studio. I partecipanti sono stati anche coinvolti in un test con un pasto ipercalorico all’inizio e alla fine del loro intervento dietetico di nove settimane. Il test è cominciato con una porzione di yogurt o budino non da latte, seguita da una grande colazione ricca di grassi e ad alto contenuto di carboidrati, per un totale di 900 calorie.

In entrambe le prove, le analisi del sangue hanno dimostrato che lo “stuzzichino” dello yogurt ha contribuito a migliorare alcuni biomarcatori chiave nell’esposizione e nell’infiammazione delle endotossine. Lo yogurt ha anche contribuito a migliorare il metabolismo del glucosio nei partecipanti obesi, accelerando la riduzione dei livelli di glicemia post-pasto.

Mangiare 200 grammi di yogurt magro prima di un pasto è una strategia fattibile per migliorare il metabolismo post-pasto e quindi può aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari e metaboliche“, ha spiegato Ruisong Pei, un ricercatore di scienza alimentare coinvolto nella ricerca.

I risultati aiutano, quindi, ad espandere il corpo complessivo delle conoscenze scientifiche su come gli alimenti influenzino l’infiammazione.

Commenti