Legame tra le malattie gengivali e il cancro. Lo dice uno studio USA

Le persone con gravi malattie gengivali possono essere a maggior rischio di sviluppare il cancro. Lo suggerisce uno studio statunitense.

0

Le persone con gravi malattie gengivali possono essere a maggior rischio di sviluppare il cancro.

Lo suggerisce uno studio statunitense.

I ricercatori hanno eseguito esami dentali su 7.466 individui originari di Mississippi, Maryland, Minnesota e North Carolina (Stati Uniti d’America) e li hanno monitorati per una media di 15 anni.

Nessuno dei partecipanti aveva il cancro all’inizio dello studio.

Quindici anni dopo, è stato riscontrato negli individui con gravi disturbi gengivali un rischio maggiore del 24% di sviluppare qualsiasi tipo di cancro e più del doppio del rischio di ammalarsi di cancro ai polmoni, rispetto a quelli con problemi gengivali lievi.

Inoltre, le probabilità di sviluppare il cancro del colon-retto sono aumentate soprattutto per i non fumatori con gravi malattie gengivali.

Questi risultati, basati su effettivi esami dentistici, sono coerenti con studi precedenti che hanno utilizzato auto-segnalazioni di malattie gengivali“, ha affermato a Reuters Health l’autore principale dello studio, Dominique Michaud, professoressa di salute pubblica e medicina presso la Scuola di Medicina di Tuft.

I ricercatori hanno preso in considerazione fattori di rischio per il cancro, tra cui età, sesso, stato del peso, fumo, razza e stato socioeconomico.

Nel complesso, i ricercatori non hanno visto legami tra la malattia parodontale e il cancro al seno, alla prostata o tumori correlati al sistema linfatico.

La malattia parodontale si sviluppa quando i batteri nella bocca infettano il tessuto che circonda il dente, causando l’infiammazione (che è stata a lungo associata al rischio di cancro). Senza controllo, la malattia gengivale può progredire fino alla perdita dei denti.

Nello studio, le associazioni tra malattie gengivali e cancro sono state generalmente più deboli o non evidenti tra i partecipanti di colore, tranne che per i tumori al polmone e al colon-retto.

Lo studio non ha potuto dimostrare che le malattie gengivali causino effettivamente il cancro. Inoltre, dato che l’esame odontoiatrico precedeva la diagnosi di cancro, qualsiasi misurazione errata della malattia parodontale poteva produrre una sotto o una sovrastima della correlazione.

Gli autori hanno anche affermato di non poter escludere il ruolo del fumo, specialmente per quanto concerne il cancro ai polmoni.

In un’e-mail a Reuters Health, l’American Dental Association ha evidenziato alcuni fattori che potrebbero aver influenzato anche i risultati: “Il reddito e l’assicurazione sanitaria sono fattori predittivi molto influenti sul fatto che qualcuno possa accedere a cure odontoiatriche tempestive e di alta qualità”.

Lo studio è stato pubblicato sul Journal of the National Cancer Institute.

Commenti