Le vacanze fanno di vivere di più. La scoperta di uno studio

Ecco un nuovo consiglio per aumentare la tua aspettativa di vita che non dovrebbe dispiacerti: non si tratta di mangiare di meno, di fare sport ma semplicemente di fare una bella vacanza!

0
estate

Ecco un nuovo consiglio per aumentare la tua aspettativa di vita che non dovrebbe dispiacerti: non si tratta di mangiare di meno, di fare sport ma semplicemente di fare una bella vacanza!

Questo è ciò che apprendiamo da uno studio presentato al congresso della Società europea di cardiologia a Monaco di Baviera il 28 agosto scorso e pubblicato sulla rivista The Journal of Nutrition, Health & Aging.

Nel 1974 e nel 1975 gli autori reclutarono 1222 uomini sani nati tra il 1919 e il 1934. I partecipanti hanno avuto almeno un fattore di rischio cardiovascolare: fumo, colesterolo o trigliceridi, ipertensione, intolleranza al glucosio o in sovrappeso. Facevano parte dello studio alcuni uomini d’affari di Helsinki (Finlandia).

Per cinque anni, fino al 1980, furono divisi in due gruppi. 612 uomini hanno ricevuto dei consigli ogni quattro mesi per fare più sport, mangiare meglio, smettere di fumare, dimagrire… Se il consiglio non era efficace, i medici prescrivevano farmaci per ridurre la pressione sanguigna e i lipidi. 610 uomini servirono come testimoni e beneficiarono di questo follow-up.

[amazon_link asins=’B0778PLNR1,B075TGTS76,B013P9GQXC,B013P9H000,B013P9G2W2,B077XL9XRZ,B013P9FU7K’ template=’ProductCarousel’ store=’gianbolab-21′ marketplace=’IT’ link_id=’c0e05102-b018-11e8-ad82-a9a94a8c0847′]

Alla fine della sperimentazione clinica, senza sorpresa, gli uomini del gruppo di intervento ridussero del 46% il rischio di malattie cardiovascolari rispetto a quelli del gruppo di controllo. Tuttavia, dopo circa quindici anni, nel 1989, stranamente, furono registrati più morti nel gruppo di intervento. I ricercatori decisero, quindi, di continuare la loro analisi fino al 2014 per comprendere questo fenomeno. Ed è stato scoperto che il tasso di mortalità era più alto nel gruppo di intervento fino al 2004, più di 20 anni dopo la fine della sperimentazione clinica. Ma poi, tra il 2004 e il 2014, non c’è stata differenza tra i due gruppi.

Secondo Timo Strandberg, un professore dell’Università di Helsinki, i farmaci non potevano spiegare la differenza di mortalità. Gli autori hanno preso in considerazione altri parametri: sonno, lavoro, vacanze… Si sono poi resi conto che la durata delle vacanze era associata al rischio di morte. Ebbene, negli uomini del gruppo di intervento con tre settimane di ferie o meno è stato riscontrato il rischio di morte del 37% rispetto a quelli che sono stati in vacanza per più di tre settimane. D’altra parte, le festività non hanno cambiato nulla nel gruppo di controllo.

Ciò significa che gli sforzi che puoi fare per migliorare la tua salute cardiovascolare possono essere vanificati a lungo termine se non riposi abbastanza.

Timo Strandberg ha spiegato: “Nel nostro studio, gli uomini con le vacanze più brevi hanno lavorato di più e dormito meno di quelli che hanno trascorso vacanze più lunghe. Questo stile di vita stressante può aver annullato qualsiasi beneficio dell’intervento“.

Lo scienziato ha concluso che i suggerimenti per smettere di fumare, migliorare l’attività fisica, la dieta, non sono male, ma “i nostri risultati […] suggeriscono che la riduzione dello stress è una parte essenziale dei programmi per ridurre il rischio di malattia cardiovascolare“.

Commenti