Covid-19, tutti tranquilli quando ci sarà il vaccino? “Solo dopo il prossimo inverno”

Quando il vaccino sarà pronto, si potrà davvero parlare di 'ritorno' alla normalità? Per il creatore del vaccino non ci sono dubbi.

Ugur Shanin, il creatore del vaccino di Pfizer.

Si parla di vaccino di emergenza per contenere una pandemia ancora in corso e che sembra non regredire. Quando il vaccino sarà pronto, si potrà davvero parlare di ‘ritorno’ alla normalità? Il creatore del vaccino afferma che la vita normale tornerà il prossimo inverno.

Il candidato vaccino Pfizer: parla il suo creatore

Vivremo l’impatto del nuovo vaccino la prossima estate così da tornare alla normalità entro il prossimo inverno, affermano gli scienziati in prima linea.

Anche il prof. Ugur Sahin, co-fondatore di BioNTech, ha espresso la speranza che l’iniezione possa dimezzare la trasmissione del virus, con una “drastica riduzione dei casi”.

La scorsa settimana, BioNTech e co-sviluppatori Pfizer hanno affermato che un’analisi preliminare ha mostrato che il loro vaccino potrebbe impedire a oltre il 90% delle persone di contrarre il Covid-19.

In un’intervista all’Andrew Marr Show della BBC One, il prof Sahin ha detto che si aspettava ulteriori analisi per dimostrare che il vaccino ridurrebbe la trasmissione tra le persone e fermerebbe i sintomi che si sviluppano in qualcuno che ha avuto il vaccino.

“Sono molto fiducioso che la trasmissione tra le persone sarà ridotta da un vaccino così efficace – forse non del 90% ma forse del 50% – ma non dovremmo dimenticare che anche questo potrebbe comportare una drastica riduzione della diffusione della pandemia”, ha detto.

Si prevede che il Regno Unito riceverà 10 milioni di dosi del vaccino BioNTech / Pfizer entro la fine dell’anno, con ulteriori 30 milioni di dosi già ordinate. Verrà somministrato in due dosi, a tre settimane di distanza.

È probabile che gli anziani e il personale delle case di cura abbiano la priorità, seguiti dagli operatori sanitari e dagli ultraottantenni. Le persone sarebbero quindi classificate in base all’età.

Dopo l’annuncio del primo vaccino efficace al mondo lunedì, Sir John Bell, professore di medicina presso l’Università di Oxford, ha suggerito che la vita potrebbe tornare alla normalità entro la primavera.

“Probabilmente sono il primo a dirlo, ma lo dirò con una certa sicurezza”, ha detto.

Se tutto continuasse ad andare bene, ha detto, il vaccino inizierebbe a essere consegnato alla “fine di quest’anno, all’inizio del prossimo anno”.

Ha detto che l’obiettivo era quello di fornire più di 300 milioni di dosi in tutto il mondo entro il prossimo aprile.

Ha detto che l’impatto maggiore avverrà in seguito, aggiungendo: “L’estate ci aiuterà perché il tasso di infezione scenderà in estate e ciò che è assolutamente essenziale è che otteniamo un alto tasso di vaccinazioni fino o prima dell’autunno / inverno del prossimo anno”.