Le donne che assumono troppi antibiotici hanno un rischio maggiore di infarto

Le donne che assumono antibiotici nel lungo periodo, soprattutto dopo i 60 anni, corrono un rischio accresciuto di una malattia cardiovascolare.

0
donna-farmaci.antibiotici

Nel mondo si consumano troppi antibiotici. Vari ricercatori hanno già lanciato l’allarme: oltre allo sviluppo di batteri multi-resistenti che causano sempre più morti, c’è anche il rischio dell’interruzione della flora intestinale. Infatti, gli antibiotici tendono a interrompere il microbiota ma sarebbero anche la causa dei disturbi cardiovascolari, secondo i risultati di uno studio pubblicato sull’European Heart Journal.

Secondo questo studio, condotto su oltre 36.000 donne, nelle anziane di età superiore ai 60 anni che hanno assunto antibiotici per due o più mesi è stato riscontrato un rischio incrementato di malattie cardiovascolari. Le donne tra i 40 e i 59 anni hanno anche un rischio leggermente maggiore di sviluppare una di queste malattie. Tuttavia, i ricercatori non hanno riscontrato un aumento del rischio a causa dell’uso degli antibiotici nelle giovani di età compresa tra i 20 e i 39 anni.

32% di possibilità di avere malattie cardiovascolari

Come si apprende da PourquoiDocteur.fr, questo studio è stato condotto negli Stati Uniti dal 1976 e ha seguito 36.000 donne dal 2004 al giugno 2012. Nel 2004, le donne avevano 60 anni o più e sono state chieste informazioni sull’uso di antibiotici quando erano giovani (dai 20 ai 39 anni), nell’età di mezza (dai 40 ai 59 anni) e quando erano anziane (dai 60 anni in su). I ricercatori hanno classificato le partecipanti in quattro gruppi: quelle che non avevano mai assunto antibiotici, quelle che avevano assunto antibiotici per meno di 15 giorni, dai 15 giorni a due mesi o per due o più mesi. Per quasi otto anni, le partecipanti hanno continuato a compilare questionari ogni due anni. Durante questo periodo, 1.056 di esse hanno sviluppato malattie cardiovascolari.

Dopo aver preso in considerazione i fattori che possono influenzare gli esiti (età, stile di vita, sovrappeso o obesità, altre malattie, ecc.), i ricercatori hanno scoperto che le donne che hanno assunto molti antibiotici in età avanzata avevano il 32% in più possibilità di sviluppare le malattie cardiovascolari rispetto a chi non ha fatto uso di antibiotici. Le donne che hanno assunto gli antibiotici per più di due mesi tra i 40 e i 59 anni hanno avuto un rischio maggiore del 28% rispetto alle donne che non li hanno assunti.

Gli effetti degli antibiotici sul microbiota intestinale

Secondo gli autori dello studio, una delle ragioni di questo rischio aumentato delle malattie cardiovascolari è che gli antibiotici alterano l’equilibrio del microambiente nell’intestino, distruggendo i batteri ‘buoni’ probiotici e aumentando la prevalenza di virus, batteri o di altri microrganismi che possono causare le malattie.

L’uso degli antibiotici è il fattore più critico nel cambiamento dell’equilibrio dei microrganismi nell’intestino“, hanno scritto.

Seguici anche su News Republic. Scarica l’APP, è gratis: