Le alghe? ‘Bombe nutrizionali’: controindicazioni e come vanno consumate

Le alghe, ancora poco consumate in Occidente ma in crescita, sono delle vere e proprie 'bombe nutrizionali' ricche di vitamine, minerali, oligoelementi e proteine. Ecco cosa bisogna sapere.

0

Le alghe, ancora poco consumate in Occidente ma in crescita, sono delle vere e proprie ‘bombe nutrizionali’ ricche di vitamine, minerali, oligoelementi e proteine.

Le alghe, infatti, contengono di tutto: vitamine A, B, C e D, ferro, calcio, magnesio, zinco e rame, fibre, antiossidanti, omega-3, aminoacidi… nutrienti essenziali per la salute del corpo.

A seconda della specie, poi, le alghe offrono vari benefici per il funzionamento del sistema nervoso centrale, la tiroide, la digestione, il sangue, il sovrappeso, la magrezza, la massa muscolare e le ossa.

Ci sono delle controindicazioni?

Come riportato su Topsante.com, nelle alghe fresche si concentra molto iodio. E anche se ne perdono molto al momento del risciacquo, le alghe non sono raccomandati per chi soffre di allergie o di ipertiroidismo. Da ricordare, poi, che se decidiamo di mangiare le alghe che raccogliamo noi tessi, dobbiamo consumare solo quelle che sono vive, ovvero attaccate su una roccia o in mare. Invece, quelle ‘arenate’ in spiaggia sono piene di metalli pesanti. Le alghe, poi, vanno tagliate in acqua pulita e sana.

Come consumare le alghe?

Crude o cotte, salate e dolci, come condimento o ingrediente a sé stante, le alghe fungono da ‘esaltatore di sapidità’. E la loro diversità consente di variare i menu.

Commenti