La variante inglese può infettare gli animali da compagnia?

Per la prima volta un cane e un gatto sono risultati positivi alla variante inglese del coronavirus.

  • Il primo caso di un cane e un gatto contagiati risultati positivi per la variante inglese di SARS-CoV-2.
  • I due animali non hanno mostrato sintomi durante il campionamento.
  • Il virus può essere trasmesso tra essere umani e animali per questo motivo ci sono delle precauzioni da adottare indicate dal Dr. Casey Barton Behravesh.

Per la prima volta un cane e un gatto sono risultati positivi alla variante inglese del coronavirus, il padrone era stato infettato all’inizio di febbraio in Texas.

Covid-19: bisogna preoccuparsi anche per i propri animali da compagnia?

Nella contea di Brazos, in Texas, un uomo ha contratto il Covid-19 lo scorso febbraio. Possiede un Labrador nero e un gatto a pelo corto, entrambi risultati positivi per la variante inglese di SARS-CoV-2, il 12 febbraio 2021, due giorni dopo che il loro padrone è stato sottoposto a screening. Questi animali domestici sono i primi animali a risultare positivi a una variante del coronavirus.

Il Dipartimento di Medicina Veterinaria della Texas A&M University ha lanciato un progetto nell’estate del 2020 guidato da Sarah H. Hamer, un’epidemiologa.

L’obiettivo è comprendere la trasmissione della SARS-CoV-2 tra uomo e animale e i suoi effetti sulla salute di questi ultimi, ma anche sapere se possono costituire un potenziale serbatoio del virus. Per questo, gli scienziati prelevano campioni da animali domestici nelle case colpite dal coronavirus.

In questo caso specifico, i due animali non hanno mostrato sintomi durante il campionamento. Il genoma è stato sequenziato dai laboratori dei servizi veterinari nazionali e ricostituito l’11 marzo. È infatti la variante inglese della linea B.1.1.7.

Sembra che sia stato il proprietario a contagiare i suoi compagni a quattro zampe. Gli scienziati consigliano alle persone che risultano positive al coronavirus di stare lontane dai loro animali, come fanno gli umani.

“Il lavoro svolto dalla Texas A&M University evidenzia che anche gli animali domestici possono essere infettati dalle varianti SARS-CoV-2. Poiché questo virus può essere trasmesso tra esseri umani e animali, è importante che le persone con Covid-19 stiano lontano da animali domestici e altri animali, come farebbero altre persone al fine di prevenire la trasmissione del virus. Virus agli animali”, afferma Dr. Casey Barton Behravesh, direttore del One Health Office presso il CDC.