La tosse? Va curata con il miele e i farmaci da banco

Il miele e i farmaci da banco dovrebbero essere i primi da usare in caso di tosse. Le nuove linee guida per i medici britannici.

0
tosse

Il miele e i farmaci da banco dovrebbero essere i primi da usare in caso di tosse.

Gli antibiotici, invece, dovrebbero essere prescritti raramente dai medici perché, nella maggior parte dei casi, fanno poco per migliorare i sintomi.

Lo sostiene una nuova guida sanitaria britannica per i medici.

Il più delle volte, invece, la tosse migliorerà da sola entro due o tre settimane.

L’uso eccessivo di antibiotici, poi, rende le infezioni più difficili da trattare, creando superbatteri resistenti ai farmaci.

[amazon_link asins=’B00PE1W7E2,B002F5GWGO,B07282DTL4,B06XKV4XD9,B072HJW2F9,B0756GHHM4′ template=’ProductCarousel’ store=’gianbolab-21′ marketplace=’IT’ link_id=’c699ee3a-a6dd-11e8-b59c-e36046af9760′]

Una bevanda calda con il miele – e spesso anche con limone e zenzero – è un rimedio casalingo noto per la tosse e il mal di gola.

Le nuove linee guida proposte dall’Istituto nazionale per la salute e l’eccellenza di cura (NICE) e la sanità pubblica dell’Inghilterra (PHE) sostengono che i medicinali contro la tosse contenenti pelargonium, guaifenesina o destrometorfano potrebbero essere utili.

Ai pazienti viene consigliato di usare questi trattamenti e aspettare che i sintomi migliorino da soli, prima di recarsi da un medico. La maggior parte dei casi di tosse, infatti, è provocata da virus che non possono essere trattati con gli antibiotici e si risolvono da soli.

La dott.ssa Susan Hopkins, vice direttrice del PHE, ha dichiarato: “La resistenza agli antibiotici è un problema enorme, e ora dobbiamo intervenire per ridurre l’uso degli antibiotici. Queste nuove linee guida supporteranno i medici generici per ridurre le prescrizioni di antibiotici e incoraggiare“.

Tuttavia, le linee guida raccomandano che gli antibiotici possano essere necessari per la tosse quando fa parte di una malattia più grave o quando una persona è a rischio di ulteriori complicazioni, come chi ha un sistema immunitario indebolito.

Il miele, poi, non è raccomandato per i bambini di età inferiore a un anno perché a volte contiene batteri che possono causare il botulismo infantile.

Commenti