“Killer del cancro”, testato virus su paziente, perché è importante

Gli scienziati hanno modificato un virus per trasformarlo in un "killer del cancro". Lo studio e perché è importante.

Virus killer del cancro.
Virus killer del cancro.

Gli scienziati hanno modificato un virus per trasformarlo in un “killer del cancro“.

Il virus “killer del cancro”

Gli scienziati hanno modificato un orthopoxvirus in modo che possa essere utilizzato per combattere il cancro.

Questo approccio terapeutico è attualmente in fase di sperimentazione in uno studio clinico con soggetti che presentano cancro con metastasi che si è rivelato resistente a trattamenti precedenti.

In questo studio clinico, sponsorizzato dalla società australiana di biotecnologie Imugene, il virus “cancer killer” (o oncologico) è stato somministrato a un volontario con metastasi tumorali resistenti a precedenti tentativi di trattamento.

CF33-hNIS o Vaxinia è un orthopoxvirus, come quello del vaiolo delle scimmie, modificato in laboratorio per esprimere un gene umano – si parla poi di un virus chimerico – che permette di seguirne la replicazione nelle cellule e di aumentarne l’azione antitumorale proprietà.

Quest’ultimo è in grado di infettare e uccidere le cellule tumorali risparmiando quelle sane. Quando la cellula cancerosa muore, rilascia particelle virali che stimolano il sistema immunitario, in particolare i linfociti T specializzati nella distruzione dei tumori, che poi attaccano i loro vicini.

La nostra precedente ricerca ha dimostrato che i virus oncolitici possono stimolare il sistema immunitario a uccidere il cancro e renderlo più reattivo ad altre immunoterapie “, afferma Dareng Li, il ricercatore principale di questo studio clinico.

Un nuovo approccio al cancro

La sperimentazione clinica testerà la sicurezza e la tolleranza di CF33-hNIS da solo o in combinazione con un anticorpo terapeutico, pembrolizumab , già autorizzato per il trattamento di diversi tumori. In una seconda fase, gli scienziati analizzeranno la capacità del virus oncolitico di ridurre le dimensioni dei tumori.

La reale efficacia di questo trattamento antitumorale sarà valutata solo durante le fasi finali della sperimentazione clinica. Gli investigatori sperano di arruolare un centinaio di volontari, adulti e affetti da qualsiasi tipo di tumore negli Stati Uniti e in Australia.

LEGGI ANCHE: Perché non tutti i fumatori sviluppano il cancro ai polmoni?