Intolleranza alle patate, come si manifesta? Quali sono i sintomi?

Esiste anche l'intolleranza alle patate. Ce l'hai anche tu? Scopri i sintomi che contraddistinguono questo disturbo.

  • L’intolleranza alle patate è un evento raro.
  • L’intolleranza alle patate è causata dalla presenza della solanina.
  • I sintomi solitamente riguardano il tratto gastroenterico ma possono coinvolgere anche l’apparato respiratorio fino ad evolvere in asma. In questi casi bisognerà contattare il medico curante.

Non è molto comune sentire parlare dell’intolleranza alle patate, sono ben conosciute quelle al lattosio, al glutine, ma a questo prezioso alimento no: è la solanina – un glicoalcaloide contenuto nelle patate – a comportare questo disturbo.

Intolleranza alle patate: la presenza della solanina

Siamo un po’ abituati a far godere il nostro palato con il gusto di questi tuberi in forma di patatine fritte o di gâteau, purè, di gnocchi, con la torta di patate, etc., eppure c’è chi soffre d’intolleranza alle patate, seppur in casi rari.

Non è cambiando il tipo di patata che si risolve il problema, la causa dell’intolleranza risiede nella presenza della solanina, una proteina prodotta dalle patate per difendersi da parassiti e microrganismi nocivi, che se assunta in grandi quantità è tossica anche per l’uomo.

Dove trovate questa proteina? Soprattutto nella buccia e se c’è n’è in maggiori quantità ve ne accorgete dalla colorazione sul verde della patata. A questo punto è meglio scartarla. Logicamente, eliminando la buccia si riduce anche il problema dell’intolleranza ma andiamo a vedere come si manifesta e quali sono i sintomi caratteristici.

Come si manifesta l’intolleranza alle patate e quali sono i sintomi

Potresti manifestare spossatezza generale, dermatiti (malattia infiammatoria degli strati superficiali della pelle che causa prurito, vescicole, rossore, gonfiore), stanchezza cronica che non sai spiegarti e sintomi correlati quali:

  • asma;
  • gonfiore addominale;
  • mal di pancia;
  • difficoltà digestive;
  • tachicardia e aritmie;
  • nausea e vomito;
  • stitichezza e/o diarrea;
  • afte e stomatiti;
  • coliti;
  • ritenzione idrica;
  • sovrappeso;
  • cistiti ricorrenti.

Nel caso in cui i sintomi respiratori siano acuti bisognerà contattare il proprio medico di fiducia.
L’unica soluzione da adottare è quella di eliminare le patate dal proprio regime alimentare e quando ci si recherà fuori a pranzo o a cena bisognerà sempre avvertire il cuoco di questo problema alimentare.