Grazie a Instagram si può diagnosticare la depressione

Progettato un software che scansiona le foto pubblicate su Instagram per individuare i segni della depressione.

0
Instagram

Le foto condivise su Instagram possono contenere indizi che consentirebbero di prevedere se l’utente stia soffrendo di depressione.

Lo sostiene uno studio.

È stato, infatti, progettato un software che scansiona le foto per individuare i segnali nascosti con cui diagnosticare la depressione e, a quanto pare, l’esperimento avrebbe avuto successo in 7 casi su 10.

Andrew Reece, ricercatore all’Università di Harvard, ha spiegato che “gli individui depressi nel nostro studio hanno pubblicato foto più blu, scure e grigie rispetto ai post dei partecipanti sani“.

Le persone depresse – ha aggiunto lo studioso – tendevano a preferire il filtro Inkwell di Instagram, che trasforma un’immagine a colori in bianco e nero, mentre i partecipanti sani hanno preferito il filtro Valencia, che conferisce alle foto un tono più caldo e più luminoso“.

In altre parole, le persone con la depressione tendenzialmente scelgono un filtro che liberi le immagini dal colore.

Le foto condivise dalle persone depresse, inoltre, contenevano meno volti, probabilmente perché non vogliono prodigarsi in interazioni sociali.

Secondo gli autori della ricerca, il tasso di individuazione del programma informatico è risultato più affidabile rispetto a quello dei medici di base.

Studi precedenti, infatti, hanno dimostrato che i medici generici diagnosticano correttamente la depressione nel 42% dei casi.

La scelta del blu nelle foto condivise dalle persone con depressione, inoltre, non è un caso.

A tal proposito, lo psichiatra Igor Galynker, ha affermato che “anni di ricerca hanno scoperto che le persone depresse hanno maggiore probabilità di preferire colori più scuri e pallidi. E scelgono il blu, perché si associa il russo a qualcosa di accesso, mentre la depressione è concepita come una nube scura o nera“.

Per testare la teoria di Andrew Reece e dell’altro autore dello studio, Chris Danforth, è stato chiesto a 166 persone di condividere sia il feed di Instagram che la storia della loro salute mentale. In totale, sono state raccolte ben 44.000 foto, nonché le risposte ai singoli questionari per valutare il livello di depressione.

I ricercatori, poi, hanno usato un software programmato per individuare i segnali della depressione.

I nostri risultati suggeriscono che la depressione fa letteralmente vedere il mondo attraverso una lente più scura”, ha detto Reece.

Tuttavia, lo stesso Reece ha avvertito che il programma ha ancora bisogno di essere sintonizzato al meglio.

Questo è un lavoro preliminare e deve essere testato di più, verificato e replicato prima di poter tranquillamente affermare che un algoritmo possa davvero identificare i marcatori della depressione nei post di Instagram“, ha detto Reece.

Lo studio è stato pubblicato il 7 agosto nella rivista EPJ Data Science.

Commenti