Infezione delle vie urinarie: sintomi, complicazioni e fattori di rischio

L'infezione delle vie urinarie (IVU) può colpire qualsiasi parte del tratto urinario. Ecco cosa bisogna sapere.

0
urina

Il sistema urinario è costituito da reni, ureteri, vescica e uretra. I reni producono l’urina, gli uretali la trasportano verso la vescica, da cui l’urina passa all’esterno del corpo attraverso l’uretra.

L’infezione delle vie urinarie (IVU) può colpire qualsiasi parte del tratto urinario.

L’infezione renale è chiamata pielonefrite. Un altro nome per l’infezione della vescica è la cistite e l’infezione dell’uretra è chiamata uretrite. Tra loro la più comune è l’infezione della vescica.

Nella maggior parte dei casi, le infezioni delle vie urinarie sono causate da batteri di E. coli, che normalmente si trovano nell’intestino.

Bisogna rivolgersi immediatamente al medico se si percepiscono i sintomi dell’IVU.

È importante, infatti, cominciare il trattamento il prima possibile per evitare complicazioni.

Le IVU sono solitamente trattate con gli antibiotici ed è necessario attenersi rigorosamente al trattamento prescritto (anche se i sintomi scompaiono) affinché l’infezione sia completamente guarita e per prevenire che ritorni.

In rari casi, l’IVU non mostra alcun sintomo. Ma la maggior parte delle volte lo fa e si presenta così:

  • sensazione di bruciore durante la minzione;
  • desiderio frequente ed intenso di urinare ma viene fuori una piccola quantità di urina;
  • l’urina sembra torbida;
  • urina con una tonalità di rosso o di rosa, il che significa che c’è sangue nelle urine;
  • urina dall’odore forte;
  • pressione e / o dolore nella zona pelvica;
  • dolore durante il rapporto sessuale.

In aggiunta a ciò, ogni tipo di IVU ha sintomi specifici:

  • infezione renale (pielonefrite): dolore nella parte inferiore (talvolta anche superiore) della schiena e nei fianchi, febbre e brividi, nausea e vomito;
  • infezione della vescica (cistite): pressione nella zona pelvica, fastidio nell’addome inferiore, minzione frequente e dolorosa, sangue nelle urine;
  • infezione della uretra (uretrite): sensazione di bruciore quando si va in bagno.

Le complicazioni:

  • se la cistite non viene trattata, l’infezione può diffondersi ai reni, il che sarebbe più pericoloso e più difficile da trattare;
  • nelle persone con problemi renali preesistenti, l’infezione renale aumenta il rischio di insufficienza renale;
  • anche è raro, l’IVU non trattata può causare sepsi, condizione pericolosa per la vita.

Il rischio di complicanze è maggiore nelle donne in gravidanza, in chi ha problemi renali, un sistema immunitario indebolito e nei diabetici.

I fattori di rischio:

  • essere una donna: si stima che il 40% -60% delle donne avrà un IVU almeno una volta nella vita. Le infezioni, invece, sono molto meno comuni negli uomini;
  • essere in menopausa;
  • essere sessualmente attivi;
  • usare determinati tipi di contraccettivi, come diaframmi e spermicidi;
  • incapacità a svuotare completamente la vescica, solitamente a causa di lesioni del midollo spinale o danni ai nervi intorno alla vescica;
  • qualcosa che ostruisce il normale flusso urinario, ad es. un calcolo renale o ingrossamento della prostata;
  • anormalità delle vie urinarie, ad es. un difetto congenito;
  • sistema immunitario indebolito;
  • usare un catetere urinario;
  • avere già avuto un’infezione.

Commenti