I medici: “Scegli: o la vita di tua moglie o la bambina”. E il marito…

Le complicazioni durante il travaglio hanno costretto un uomo a fare una scelta terribile.

0

Quando la moglie di Frederick Connie ha cominciato a perdere sangue durante il travaglio, l’uomo è stato costretto a prendere una decisione straziante: salvare la figlia non ancora nata o la donna.

I medici hanno detto all’uomo statunitense che l’intervento chirurgico che avrebbe salvato la moglie, Keyvonne, avrebbe significato che avrebbero perso la bambina. Inoltre, la donna sarebbe potuta non sopravvivere al taglio cesareo necessario per salvare la neonata.

Alla fine, Frederick ha preso la decisione che pensava che sua moglie avrebbe voluto e ha accolto sua figlia il 30 novembre. Keyvonne, invece, è morta pochi giorni dopo.

Frederick ha raccontato alla stampa locale che, nonostante avesse perso sua moglie, pensava di aver fatto la scelta giusta.

Sono contento di aver preso questa decisione perché alla fine, se Keyvonne fosse sopravvissuta, mi avrebbe odiato per il resto della mia vita“, ha detto l’uomo.

Frederick ha raccontato che quando sua moglie ha cominciato a sanguinare durante il travaglio, l’ha portata in ospedale dove gli è stato detto di scegliere.

Keyvonne è sopravvissuta all’intervento e si è anche svegliata in tempo per vedere la foto della figlia, Angelique Keyvonne Connie, per cui sono state necessarie cure mediche immediate.

Pochi minuti dopo aver visto il volto della figlia, la donna ha cominciato a sanguinare ed è morta prima di un intervento chirurgico d’urgenza.

Frederick ha detto di non essere preparato al ruolo di padre a tempo pieno, confessando di non sapere neanche come si cambi un pannolino ma di stare imparando.

Ho dato alla bambina il nome della madre e mi assicurerò che sappia che donna straordinaria è stata. Sarò per lei un papà a tempo pieno“, ha raccontato l’uomo.

Il datore di lavoro di Frederick ha avviato una campagna online per raccogliere fondi per permettere al padre di sostenerlo finanziamente in questa fase delicata.

Commenti