Hai problemi al cuore? Bere il caffè può aiutarti. Lo dice uno studio

Bere fino a sei tazze di caffè al giorno può essere salutare per le persone con problemi cardiaci e che sono a rischio di arresto cardiaco.

0
caffè

Bere fino a sei tazze di caffè al giorno può essere salutare per le persone con problemi cardiaci e che sono a rischio di arresto cardiaco.

Lo sostiene una nuova ricerca.

La revisione di undici importanti studi internazionali che hanno coinvolto 360mila persone ha rilevato che mentre sei tazze di caffè al giorno possono essere salutari, il punto debole di solito è tre.

Il caffè certamente aumenta la frequenza cardiaca a riposo ma non causa un battito cardiaco anormale“, ha detto l’autore principale dello studio, Peter Kistler, all’Herald Sun.

Una tazza di caffè contiene circa 95 mg di caffeina, uno stimolante che agisce sul sistema nervoso centrale.

La ricerca ha scoperto inoltre che bere più di sei caffè al giorno può causare problemi (come un cuore che batte in modo anomalo).

Circa l’80 per cento dei medici raccomanda alle persone con le palpitazioni di smettere di bere caffè e circa il 25 per cento delle persone con le palpitazioni le attribuiscono al caffè.- Tuttavia, dal punto di vista della scienza medica nessuno degli studi ha effettivamente dimostrato questo“, ha detto il professore Kistler.

“Al contrario – ha aggiunto lo studioso – l’aritmia più comune sembra in realtà essere ridotta nei bevitori regolari di caffè. Se si guarda in modo ampio, al di là dei problemi del ritmo cardiaco, i bevitori regolari di caffè corrono meno rischi di scompenso cardiaco”.

Gli esperti mettono in guardia, invece, dal consumo di bevande energetiche, che contengono più di 500 mg di caffeina concentrata.

Almeno il 75% delle persone che hanno bevuto bevande energetiche ha riferito di avere palpitazioni cardiache entro 24 ore.

Infine, uno studio osservazionale di 20mila residenti spagnoli, pubblicato nel 2017, ha trovato un’associazione tra il consumo regolare di caffè e un minor rischio di morte prematura.