Ha un violento colpo di tosse e un ictus poco dopo lo paralizza

Un uomo di 49 anni ha la fortuna di essere vivo dopo che una tosse violenta ha probabilmente causato un ‘buco’ nella sua arteria provocando un ictus.

Ictus silenzioso: sintomi e prevenzione

Paul Park, che ha dovuto lasciare il suo lavoro presso il Ministero della Difesa britannico dopo 30 anni a causa di quanto gli è successo, ha affermato che i suoi problemi sono cominciati con un raffreddore.

Ho avuto un brutto raffreddore e una tosse violenta nella settimana precedente alll’ictus, che potrebbe aver causato il danno all’arteria del collo“, ha raccontato l’uomo alla stampa locale che ha aggiunto: “Ricordo che ai miei occhi ogni cosa sembrava piccola“.

Nei pazienti con l’ipertensione o con un aneurisma cerebrale, si possono verificare colpi di tosse e starnuti che possono aumentare la pressione all’interno del cervello, causando un ictus emmorragico. Questi colpi sono in genere più comuni nei picchi di influenza e di allergie.

Anche dormire troppo può fare male alla salute: ecco perché

Paul Park ha raccontato di non avere avuto alcuna condizione di fondo prima dell’ictus che lo ha paralizzato. Ha ttrascorso sei mesi in riabilitazione e ha potuto dire soltanto tre parole. Nei due anni successivi all’ictus, Park ha ricostruito il suo vocabolario attraverso la terapia del linguaggio e ha cominciato a dipingere.