Ha 5 anni e ha la leucemia. Rischia di morire se non si trova un donatore

La piccola Kaiya Patel sta affrontando una corsa contro il tempo per trovare un donatore di cellule staminali così da salvarle la vita.

0

La piccola Kaiya Patel sta affrontando una corsa contro il tempo per trovare un donatore di cellule staminali così da salvarle la vita dopo che i lividi comparsi sulle sue gambe si sono rivelati cancerogene.

La bambina di cinque anni sta combattendo contro una rara forma di leucemia e i medici le hanno stimato due mesi di vita.

Come si apprende dal magazine britannico Sun, i genitori temono che non saranno in grado di trovare un donatore perché nessuno dei membri della famiglia è compatibile e, a causa della sua etnia asiatica, ha appena il 20,5% di possibilità di trovare un donatore rispetto al 69% di chi ha un ‘patrimonio europeo’.

Kaiya ha una leucemia linfoblastica acuta (LLA), un raro tipo di tumore del sangue che comincia nei globuli bianchi.

Nel solo Regno Unito circa 810 persone vengono diagnosticate con la LLA ogni anno.

La malattia è comparsa dapprima sulle gambe di Kaya e la terribile diagnosi è avvenuta nel marzo scorso.

Il padre, Ruchit Patel, residente a Londra, ha detto: “Siamo una famiglia davvero amorevole con due bambine che si adorano a vicenda. Non vedevano l’ora di andare un giorno insieme a scuola. […] Kaiya aveva dei lividi che volevamo far controllare prima di partire per le vacanze. […] Abbiamo onestamente pensato che non fosse niente di grave e abbiamo portato Kaiya all’ospedale per poter volare senza preoccupazioni. […] Sentirsi dire che Kaiya aveva la leucemia è stato come un pugno sullo stomaco“.

Kaiya è stata portata dal Watford General al Great Ormond Street Hospital, dove ha trascorso quattro settimane ricevendo cure, compresa la chemioterapia.

Ora la piccola è di nuovo a casa mentre i suoi genitori attendono ansiosamente di trovare un donatore di midollo osseo.

Il padre, 37 anni, ha detto: “Kaiya ha con sé le sue perle di coraggio, ogni perla rappresenta una procedura o qualcosa che ha dovuto sopportare. È già a metà della sua seconda sequenza e speriamo che possa guardare indietro a ciò ed essere orgogliosa di quanto ha dovuto passare. I farmaci e il trattamento hanno avuto un impatto significativo, ed è molto stanca ma sta affrontando tutto e continua a prendersi cura della sua sorellina. Siamo così orgogliosi di lei“.

Ruchit e la sua famiglia stanno chiedendo alla gente di iscriversi al registro delle donazioni di cellule staminali presso l’organizzazione benefica Anthony Nolan.

Rebecca Pritchard, responsabile dei registri, ha dichiarato: “Da qualche parte là fuori c’è un potenziale salvavita che potrebbe aiutare a dare alla bambina una seconda possibilità di vita. Una seconda possibilità di andare nella stessa scuola della sua sorellina. Se hai 16-30 anni puoi iscriverti al registro online e ti invieremo un tampone. Se ti rendi conto di essere un potenziale donatore, potresti donare le tue cellule staminali e dare speranza a famiglie come Kaiya“.

Commenti