Green Pass, Crisanti precisa: “Non ci rende sicuri, vi spiego perché”

Andrea Crisanti, virologo
Andrea Crisanti, virologo

“Il Green pass non è una misura di sanità pubblica, non ha una metrica per misurare l’impatto sulla trasmissione” del coronavirus Sars-CoV-2. “È un provvedimento estemporaneo che di fatto ha l’obiettivo di limitare i contatti tra persone non vaccinate, ma nessun conosce l’effetto del Green pass sulla trasmissione del virus. Quello che è pericoloso è che i politici dicono che con il Green pass creiamo degli ambienti sicuri. Non c’è nulla di più sbagliato, perché siamo solo leggermente più protetti con il certificato verde, ma non sicuri”.

Lo ha detto Andrea Crisanti, direttore del Dipartimento di medicina molecolare dell’università di Padova, ospite del programma L’Aria che tira su La7, commentando una possibile estensione dei test salivari a scuola.

“Siamo ancora in una fase di transizione e forse si intravede la luce alla fine del tunnel. Ma abbiamo situazioni come quella che sta capitando in Inghilterra, con 30-40mila casi al giorno e 150-180 decessi quotidiani, un numero importante che getta sfiducia su quello che potrebbe capitare da noi”, ha aggiunto l’esperto.

LEGGI ANCHE: Covid-19, Galli lancia un appello ai sindacati sul vaccino.