Gli 11 errori da non fare quando si misura la pressione

Quando misuri la pressione in casa con uno sfigmomanometro elettronico ci sono 11 errori che non devi commettere. Ecco quali.

Vuoi valutare la tua pressione arteriosa, hai comprato uno sfigmomanometro elettronico da utilizzare a casa ma ad ogni misurazione ti segnala un errore o i valori sono molto differenti tra loro. Probabilmente non è il dispositivo ad avere un difetto ma un errore nella misurazione della pressione, scopriamolo insieme.

Utilizzo sfigmomanometro e gli 11 errori da non commettere

Hai l’ipertensione e vuoi misurare la tua pressione arteriosa per controllare che i tuoi valori pressori siano inferiori a 140/90 mmHg.

Di norma, infatti, la pressione sistolica (la massima) è di 115-120 mmHg e la pressione diastolica (la minima) è di 75-80 mmHg.

Nonostante in commercio siano disponibili gli sfigmomanometri manuali, hai deciso di acquistare quello elettronico pensando che sia di facile utilizzo. In effetti lo è ma ci sono delle accortezze a cui badare che vedremo in seguito.

Intanto devi accertarti che sia presente un manicotto collegato al dispositivo elettronico, sarà quest’ultimo a ‘gonfiare’ la camera d’aria e tramite un sensore individuare i livelli della pressione arteriosa. Un display t’indicherà i valori ed anche il battito cardiaco al minuto.

È giunto il momento di misurare la pressione, vediamo alcuni ‘consigli’ per evitare d’incorrere negli errori più comuni:

  • La misurazione va effettuata a stomaco vuoto, se hai mangiato aspetta almeno un’ora. Evita gli sforzi fisici, di bere caffè o altre bevande eccitanti e se lo fai, attendi mezz’ora.
  • Se mentre stai per misurare la pressione senti lo stimolo ad urinare, fermati e recati in bagno.
  • Siediti, poggia la schiena che deve essere dritta e mantieni i piedi ben aderenti su una superficie solida, non accavallarli.
  • Stai fermo e rilassati.
  • Posiziona il manicotto correttamente, quasi al di sopra della piega del gomito. Premere l’apposito tasto.
  • L’ora in cui effettuare la misurazione deve essere sempre la stessa.
  • Utilizza dei manicotti che siano adatti alla circonferenza del tuo braccio per non avere delle misurazioni errate rispetto a quella fisiologica.
  • Il braccio deve stare all’altezza del cuore, non deve stare alzato ma è consigliato poggiarlo su un tavolo.
  • Se indossi un bracciale, questo non deve stare aderente sugli indumenti piuttosto sulla parte nuda del polso.
  • Non parlare durante la misurazione, questo potrebbe aumentare di 10 punti i valori.
  • Ogni sei mesi il dispositivo deve essere controllato e ricalibrato.

L’auto-misurazione della pressione può avere dei vantaggi per te: non avrai più l’esigenza di recarti dal tuo medico curante o in farmacia, potrai contare su dispositivi professionali e accurati nella misurazione dei valori, potrai memorizzare tutti i valori o appuntarli giornalmente in un diario apposito, con gli sfigmomanometri più evoluti potrai inviare i dati al tuo medico di fiducia.

Hai il vantaggio primario di monitorare la tua pressione arteriosa nel tempo e nel caso tu assuma una terapia, comprendere se questa è funzionale.