Giocare a calcetto fa bene anche (e soprattutto) agli anziani

I benefici per gli over 50 dello sport più praticato nel tempo libero.

0
calcetto

Il calcio, si sa, è lo sport più amato dagli italiani. Tuttavia, ogni tanto non sarebbe male trasferire la passione dalla televisione alla pratica, perché rappresenta una forma di allenamento intenso, versatile ed efficace, anche per le persone anziane senza preparazione.

Il calcio, infatti, potenzia le capacità fisiche, fa bene al cuore e minimizza il rischio di cadute e fratture nei più anziani, anche se non hanno mai giocato prima o se non lo fanno regolarmente.

Ciò è stato confermato da una ricerca condotta su una squadra di giocatori di età compresa tra i 63 e i 75 anni, coinvolti in allenamenti di un’ora due volte la settimana.

Ebbene, dopo quattro mesi di partite, i giocatori hanno mostrato i seguenti benefici:

  • capacità polmonare migliorata del 15%;
  • tono muscolare migliorata del 30%;
  • maggiore resistenza allo sforzo fisico del 50%.

Tra gli over 50 che praticano il calcetto a livello amatoriale, però, intervengono altri fattori di rischio infortuni: gli incontri, che vengono effettuati soprattutto nelle ore serali quando il fisico è più affaticato, rappresentano spesso l’unico momento della settimana in cui si pratica l’attività sportiva.

Pertanto, per prevenire infortuni è importante non sottovalutare la fase del riscaldamento ed è consigliato fare esercizi per diversi minuti prima di scendere in campo così da evitare sforzi a freddo.

Commenti