Gengivite: cause e rimedi

Causato soprattutto dalla cattiva igiene orale, è un problema risolvibile se non viene trascurato.

Gengive arrosate che bruciano? Potrebbe trattarsi di gengivite, un disturbo che non bisogna assolutamente trascurare, ma curare nel modo giusto.

Si tratta di una vera e propria infiammazione che nella maggior parte dei casi è causata dalla scarsa igiene orale e, di conseguenza, dall’accumulo di placca.
Ma la colpa potrebbe anche essere dei movimenti sbagliati dello spazzolino, degli ormoni (non è raro soffrire di gengivite durante la pubertà o in gravidanza), di una carenza di vitamine (soprattutto A, B e C).

Fumo, diabete, stress e assunzione di farmaci possono essere dei fattori aggravanti. Gonfiore, arrossamento, calore e sanguinamento, sensazione di fastidio o dolore, frequente alito cattivo sono, invece, i campanelli d’allarme.

[amazon_link asins=’B00WHK3F9E,B079KFBFK1,1719476039,B07CKKG9QD,B072QDZ7CB,B0749MNW3N,B075FQKW57,B077G8467Y,B073MQ1622′ template=’ProductCarousel’ store=’gianbolab-21′ marketplace=’IT’ link_id=’62618f1a-6295-11e8-804d-2f6f65cf18fa’]

Tuttavia il problema è facilmente risolvibile, purchè non lo si trascuri. Prima di tutto, bisogna rivedere la propria routine di igiene orale: lavare i denti alla fine di ogni pasto possibilmente con un dentifricio alle erbe, utilizzare il filo interdentale e usare uno spazzolino dalle setole morbide. È importante andare dal dentista per la rimozione completa di tartaro e placca.

E poi si può anche ‘correggere’ il tipo di alimentazione evitando cibi acidi che potrebbero esacerbare l’infiammazione.