Focolaio di ebola in Africa, morto 24enne e altre vittime sospette

L'Uganda ha comunicato un focolaio di ebola dopo che il "raro" ceppo del Sudan è stato confermato in un uomo di 24 anni.

Ebola in Uganda.
Ebola in Uganda.

L’Uganda ha comunicato un focolaio di ebola dopo che il “raro” ceppo del Sudan è stato confermato in un uomo di 24 anni.

Il caso è stato rilevato nel distretto di Mubende e arriva dopo sei morti sospette nella stessa zona.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) afferma che altri otto casi sospetti stanno attualmente ricevendo assistenza in una struttura sanitaria.

“Questa è la prima volta in oltre un decennio che l’Uganda registra un focolaio di ebolavirus sudanese”, ha affermato il dottor Matshidiso Moeti, direttore regionale dell’OMS per l’Africa.

“Stiamo lavorando a stretto contatto con le autorità sanitarie nazionali per indagare sull’origine di questo focolaio, sostenendo nel contempo gli sforzi per implementare rapidamente misure di controllo efficaci”.

“L’Uganda non è estraneo a un efficace controllo dell’ebola. Grazie alla sua esperienza, sono state intraprese azioni per rilevare rapidamente il virus e possiamo fare affidamento su questa conoscenza per fermare la diffusione delle infezioni”.

L’OMS ha annunciato che sta inviando personale nell’area colpita e ha inviato forniture per l’assistenza e una tenda per isolare i pazienti.

L’ebola è un virus grave, spesso fatale, che provoca gravi emorragie e insufficienza d’organo. Colpisce gli esseri umani e altri primati.

Esistono sei diverse specie di virus. Tre di questi – Bundibugyo, Sudan e Zaire – sono responsabili di grandi focolai nel passato.

“I tassi di mortalità del virus del Sudan sono variati dal 41 al 100% nei focolai passati”, ha affermato l’OMS. “Ci sono stati sette focolai precedenti di ebolavirus sudanese, quattro in Uganda e tre in Sudan. L’Uganda ha segnalato per l’ultima volta un focolaio di ebolavirus sudanese nel 2012. È stato dimostrato che l’inizio precoce del trattamento di supporto riduce significativamente i decessi per ebola”.

In passato, il vaccino Ervebo è stato utilizzato su persone ad alto rischio in altre nazioni africane per aiutare a controllare la diffusione dell’ebola.

Tuttavia, l’OMS osserva che il farmaco è stato approvato solo per il virus dello Zaire.
“Un altro vaccino prodotto da Johnson e Johnson potrebbe essere efficace ma deve ancora essere testato specificamente contro l’ebola sudanese”.

LEGGI ANCHE: Covid-19 ed elezioni, i consigli del virologo Pregliasco.