Farsi vaccinare contro il Covid-19 riduce lo stato d’ansia?

"Non voglio essere seduto in un cinema con il 'paziente zero' di una variante che va contro il vaccino", esordisce così la storia di K. Breshears.

  • Kit Breshears, un uomo di 44 anni del Minnesota, ha ricevuto la seconda dose del vaccino ma non riesce a ritornare alla vita pre-coronavirus.
  • L’ansia di un nuovo contagio continua a bloccare le sue attività di vita preferite e le sue relazioni sociali.
  • Psicologi raccomandano cosa fare e cosa non fare per superare l’ansia e tornare ad una vita più serena.

Non voglio essere seduto in un cinema con il ‘paziente zero’ di una variante che va contro il vaccino.”, queste le parole di Kit Breshears, 44 anni, di Buffalo, Minnesota.

Lui, che ha sempre temuto il Covid-19, ha deciso di vaccinarsi pensando che la sua vita avrebbe di nuovo iniziato ad essere ‘come prima’, ma farsi vaccinare non ha cambiato le cose.

La sua vita negli ultimi 13 mesi è stata a dir poco esemplare, nessun contatto con amici o parenti se non tramite zoom. Non ha messo piede in un ristorante o in un negozio neanche per prendere un pasto d’asporto.

Questo mese ha ricevuto la sua seconda dose di vaccino ma questo non gli ha impedito di continuare a vivere nell’ansia: la pandemia è in corso, il coronavirus muta e si può essere impreparati ad una variante che ‘bypassa’ il vaccino.

La mia paura è che un numero sufficiente di persone non verrà vaccinato, o non verrà vaccinato in modo tempestivo, e finiamo per ottenere una variante orribile che ci riporta esattamente dove siamo“, ha detto Breshears.

Gli scenari tra i vaccinati sono due: quelli che recuperano il tempo perso sotto forma di feste in casa, ore felici e viaggi, e quelli che non riescono a scrollarsi di dosso la paura di potrebbe ancora contrarre il coronavirus. E Breshears fa parte di quest’ultima categoria di persone e non è l’unico!

Un sondaggio pubblicato il mese scorso dall’American Psychological Association ha rilevato che il 48% degli adulti che sono stati vaccinati ha dichiarato di sentirsi “a disagio” nel tornare alle interazioni di persona una volta che la pandemia è finita.

Siamo ancora coinvolti nella fase di contenimento della malattia della pandemia“, ha detto Tener Goodwin Veenema, professore e studioso in visita presso il Johns Hopkins Center for Health Security.

Le persone completamente vaccinate dovrebbero sentirsi sicure della protezione che hanno ricevuto, ha detto, ma dovrebbero comunque indossare le loro mascherine in pubblico ed evitare assembramenti con persone non protette.

Tuttavia, per le persone sane e completamente vaccinate, la paura di contrarre il Covid-19 non dovrebbe essere paralizzante, ha affermato Vaile Wright, psicologa clinica e direttore senior dell’innovazione dell’assistenza sanitaria presso l’American Psychological Association.

Con le precedenti pandemie, come la SARS e l’Ebola, abbiamo visto l’agorafobia“, ha detto, riferendosi al disturbo d’ansia in cui le persone temono così tanto certe situazioni da non poter lasciare le loro case. “Alla fine della giornata, se stai davvero, davvero lottando, allora è il momento di cercare un aiuto professionale.”

Nell’incertezza di un’immunizzazione duratura data dal vaccino, molte persone continueranno a vivere in uno stato d’ansia e a chiedersi come sarà la vita dopo la pandemia.

Vivi anche tu in uno stato d’ansia? Ecco cosa fare e cosa non fare

Gli psicologi esortano tutti ad avere pazienza, sia con se stessi che con gli altri, poiché tutti noi ci adattiamo all’idea che essere completamente vaccinati significa che possiamo svolgere in sicurezza alcune delle attività che abbiamo dovuto abbandonare bruscamente quando la pandemia ha colpito.

Riconosci che l’altra persona potrebbe non essere ancora dove sei tu, e questo non le rende sbagliate“, ha detto Wright.

Se ti senti ansioso di fare cose che rientrano nelle linee guida CDC sicure per le persone completamente vaccinate, Wright suggerisce di identificare piccoli passi che puoi compiere.

Ci sono persone che non vanno a fare la spesa da un anno. I negozi di alimentari sono abbastanza sicuri se indossi la mascherina, quindi forse questo è il primo passaggio“, ha detto. “E poi magari andare a pranzo fuori con un amico che è anche lui completamente vaccinato.”, aggiungendo, “Fare questi passi è fondamentale“.

La cosa peggiore che le persone possono fare è continuare a evitare situazioni sicure e relativamente sicure perché ciò in sostanza rafforza l’idea che si tratta di situazioni spaventose e inavvicinabili“, ha detto. “Più continui a evitarle, più difficile sarà superarle.”

Breshears, l’uomo del Minnesota che ha ricevuto la sua seconda vaccinazione all’inizio di questo mese, non si sente pronto a riprendere ad andare al cinema, un’attività che faceva ogni fine settimana.

Cosa farà per ritrovare fiducia in se stesso? Cercherà di avere fiducia in tutte le persone che ogni giorno si sottopongono al vaccino e ad altre che continueranno a farlo.

Sta valutando di ricominciare ad entrare nei negozi invece di farsi consegnare la spesa a casa, organizzerà una serata di cinema a casa con gli amici vaccinati, solo in questo modo potrà imparare a gestire l’ansia con cui convive da quando era adolescente.