Ernia inguinale: cos’è, cause, sintomi e trattamento

Cos'è l'Ernia Inguinale? Quali sono le cause? I sintomi? I trattamenti? Quello che c'è da sapere su questo tipo di ernia.

ernia inguinale sintomi cause

Un problema molto rilevante sia dal punto di vista economico sanitario che da quello della salute psico-fisica: la fuoriuscita del viscere addominale – definita ernia inguinale – può comportare delle complicazioni spesso sottovalutate: agire con cura, prima di ricorrere ad un intervento chirurgico, può diminuire gli accessi ospedalieri e le complicanze post-intervento.

Ernia inguinale, preoccuparsi con cura

Dati statistici dimostrano che incorrere nell’ernia inguinale non sia molto difficile, difatti si evidenzia una percentuale pari al 27% negli uomini e al 3% nelle donne.

Questa manifestazione si esplica quando un viscere contenuto nella cavità addominale (come l’intestino) fuoriesce dalla parete addominale verso una zona “debole”: quella inguino-femorale.

L’ernia inguinale può insorgere in diversi momenti della vita: durante il primo anno di vita (ernia congenita) oppure superati i 50 anni di età (ernie secondarie).

Come si presenta l’ernia inguinale?

Molte volte si accede dal proprio medico curante per la presenza di una tumefazione (aumento di volume) e fastidio nella regione inguinale. Il dolore è variabile, nell’uomo i sintomi possono manifestarsi anche al testicolo.

Questo rigonfiamento può nascondersi quando si assume la posizione supina (corpo con pancia verso l’alto).

Le cause? È noto che uno sforzo fisico protratto possa far “uscire” l’ernia inguinale ma anche una tosse ripetuta e alcuni fattori di rischio (fumo, obesità, diabete e l’asma) possono favorirne la comparsa.

Questo quadro patologico non è di difficile diagnosi: il medico tramite un esame obiettivo può coglierne la presenza.

In altri casi, in presenza di obesità oppure quando non è evidente la tumefazione la diagnosi può essere posta tramite degli esami strumentali (ecografia).

È sempre necessario ricorrere ad un intervento chirurgico?

Questa è una domanda che sorge in mente a molti pazienti coinvolti in un’ernia inguinale (che può essere confusa con l’aumento dei linfonodi), una valutazione attenta può rispondere a questo dubbio.

Infatti, prima di decidere di sottoporsi ad un intervento chirurgico è necessario conoscere anche le complicanze e se c’è la necessità di subire l’intervento.

Le complicanze più temute dell’ernia inguinale sono il suo “strozzamento” e l’”intasamento” soprattutto nei casi in cui non è possibile ridurre le sue dimensioni: le conseguenze sono un’occlusione intestinale. Cosa fare?

Sono le linee guida e le ricerche scientifiche a guidare i medici nella scelta: in caso di ernia inguinale di piccole dimensioni e asintomatica sarà sufficiente tenerla “sotto controllo” tramite periodici osservazioni e un monitoraggio nel tempo, nel caso di ernie sintomatiche e con un volume consistente non riducibile si può incorrere ad un aggravamento dei sintomi e delle importanti complicanze, sarà necessario – quindi – accedere ad un intervento chirurgico di ernioplastica.