Ecografo portatile: un device per diagnosi in qualunque luogo

L’ecografo palmare offre immagini di elevata qualità e facili da condividere utilizzando appositi sistemi di connessione. Questo tipo di dispositivo permette di effettuare ecografie in molti ambiti medici diversi. Per la sua dimensione ridotta, risulta quindi essere un dispositivo estremamente funzionale e utilizzabile in medicina muscolo scheletrica, reumatologia, fisioterapia, chirurgia estetica, pediatria, medicina vascolare, pneumatologia, cardiologia e in numerosi altri campi. La compattezza e la trasportabilità di questi dispositivi consentono inoltre l’utilizzo in medicina d’urgenza, ad esempio nel luogo di un incidente.

L’ecografo palmare per una maggiore facilità d’uso e diagnosi più rapide

Grazie a questi nuovi dispositivi è possibile estendere maggiormente il concetto di medicina di prossimità in quanto consentono di effettuare un’ecografia in mobilità, senza la necessità di avere a disposizione strumenti di grandi dimensioni o di una struttura sanitaria. Questi strumenti sono costituiti da trasduttori di dimensioni contenute, che si utilizzano scaricando un’app sul tablet o sul computer. I trasduttori si trasportano senza problemi ovunque sia necessario utilizzarli e si collegano al dispositivo mobile a disposizione del medico. Una volta effettuato il collegamento del trasduttore al dispositivo, sia esso un tablet o uno smartphone, è possibile iniziare l’esame ecografico.

Molto è stato fatto negli ultimi anni per facilitare l’uso degli strumenti, aumentare la rapidità degli esami diagnostici per una maggiore l’efficienza.

Innovazione e tecnologia nell’ecografia portatile

Philips, leader nel settore dell’Health Technology, è tra le aziende impegnate nello sviluppo della tecnologia digitale mobile. Nel suo continuo percorso di ricerca propone dispositivi portatili all’avanguardia che i professionisti sanitari possono utilizzare per effettuare diagnosi in mobilità.

L’ecografo portatile Philips può essere utilizzato dai medici al di fuori delle strutture sanitarie, in zone dove gli ospedali sono difficili da raggiungere. Basti pensare, ad esempio, alle donne di molti paesi a basso reddito che non possono accedere ai monitoraggi di routine durante la gravidanza e al conseguente numero elevato di vittime che si potrebbero evitare se si intervenisse in tempo nell’identificazione di specifiche complicanze, attraverso i controlli ecografici periodici.  I medici possono inoltre collegarsi da remoto e condividere, in real time, le immagini dell’esame diagnostico con i colleghi, in modo da ottenere rapidamente un consulto utile alla diagnosi.

Questa soluzione risponde pienamente all’obiettivo che Philips si è posta: migliorare la salute e il benessere delle persone, puntando su un’innovazione tecnologica e una digitalizzazione dei sistemi sanitari che non dimentichino di mettere al centro le persone e le loro esigenze, in un sistema di cure connesse e in continua evoluzione. Le soluzioni Philips, infatti, sono pensate per essere integrate nei flussi di lavoro, rendendoli così più efficienti ed efficaci, e grazie al potere dei dati e dell’intelligenza artificiale garantiscono una migliore esperienza per pazienti e operatori sanitari.