Ecco perché dovresti lavare i nuovi vestiti prima di indossarli

Quando acquisti un nuovo indumento, probabilmente pensi che non sia sbagliato indossarlo subito, senza lavarlo. Invece...

0

Quando acquisti un nuovo indumento, probabilmente pensi che non sia sbagliato indossarlo subito, senza lavarlo, perché solo poche altre persone lo hanno provato.

Secondo Philip Tierno, professore di microbiologia e patologia alla New York University, il numero di persone che hanno provato il vestito che hai deciso di acquistare sarebbe molto più alto di quanto immagini.

Non stiamo parlando solo di quattro, cinque o sei persone ma di decine e anche di più, se questo capo è rimasto nei negozi per settimane o addirittura mesi“, ha detto.

Naturalmente, questa cifra dipende da vari fattori, come la dimensione del negozio o la velocità con cui vengono venduti i vestiti. Ma vuoi davvero indossare un capo provato anche da un estraneo?

Philip Tierno ha studiato e testato vestiti (top, pantaloni, vestiti, costumi da bagno, intimo, ecc.) per grandi catene prêt-à-porter e boutique di lusso e ha cercato batteri e altri germi lasciati dai clienti che li hanno provati senza comprarli. Su alcuni ha trovato il norovirus, batteri come streptococchi e stafilococchi e persino feci.

Tutti questi germi si depositano principalmente in tre modi: attraverso la pelle, il sistema respiratorio (naso e bocca) e l’ano. Se tocchi vestiti contaminati da questi germi corri un rischio.

Siate certi, il rischio di sviluppare un’infezione grave rimane “molto basso” ma esiste la possibilità, specialmente se hai graffi o tagli.

Molti vestiti, inoltre, sono anche trattati con sostanze chimiche e coloranti che possono causare irritazione, dandovi un altro motivo per lavare i nuovi vestiti prima di indossarli.

Ecco perché è importante pulire gli indumenti con detersivi e ammorbidenti per tessuti senza profumi o coloranti.

Per Philip Tierno è una buona idea mettere i nuovi vestiti nella lavatrice o lavarli a secco, a seconda della loro natura.

Seguici anche su News Republic. Scarica l’APP, è gratis:

Commenti