È normale che un bambino faccia la pipì a letto?

C'è da preoccuparsi quando succede? Ecco come stanno le cose.

0

Si chiama enuresi notturna. È il fare la pipì a letto. Capita soprattutto ai bambini, anche fino ai 10 anni di età, e i genitori spesso la vivono come una sconfitta personale e trasmettono così ansia e insicurezza al proprio figlio.

Niente di più sbagliato. Non è una cosa grave che un bambino che non porta più il pannolino faccia la pipì nel letto. Non lo fa neanche apposta. È fisiologico. In questi bambini sta semplicemente avvenendo un ritardo nella maturazione delle funzioni che controllano l’emissione delle urine. Ovvero, il cosiddetto ormone anti-diuretico (ADH) non ancora riesce ad inibire la produzione di urina la notte.

A questo si va ad aggiungere che i nostri piccoli hanno un sonno più profondo di quello degli adulti e che, quindi, in caso di vescica piena non si svegliano facilmente.

Solo se il problema dovesse verificarsi all’improvviso, è meglio rivolgersi al pediatra perché potrebbe essere indizio di problemi ormonali o di situazioni di ansia e stress.

Dunque, nessuna paternale al proprio cucciolo che bagna il letto. È una cosa che capita e passerà presto. E ditelo anche lui. Calma, pazienza e pensieri positivi accorceranno i tempi e vostro figlio ne guadagnerà in salute e autostima.

Commenti