Dolore alla spalla? Ecco quattro condizioni più comuni (e le soluzioni)

Le nostre spalle diventano più deboli con l'età. Ecco quattro condizioni che possono causare i dolori.

0

Molto mobili e molto stressate, le nostre spalle diventano più deboli con l’età. Frequenti dopo i 50 anni, i dolori che le riguardano possono essere muscolari, tendinei, articolari o ossei. Dobbiamo agire rapidamente perché il mal di spalle diventa presto cronico (quando dura oltre i tre mesi) se non consultiamo un medico e se non seguiamo un trattamento adeguato.

Dolore al via: è tendinite

La tendinite è comune, di solito causata dal sollevare ripetutamente il braccio, ad esempio potando una siepe o dipingendo un soffitto. Ma non solo: un tendine che invecchia, che si assottiglia nel tempo e si infiamma dopo uno sforzo insignificante, può creare questo tipo di effetto. Il dolore appare quando si solleva il braccio, diventa molto fastidioso di notte, con un’irritazione della faccia esterna dell’arto (bicipiti lunghi).

Soluzioni: Una riabilitazione dell’articolazione da parte di un fisioterapista può rilanciare la produzione da parte del tendine di collagene, mobilizzando la spalla. Non funziona? Anche un’infezione dentale può causare infiammazione dei tendini. Se l’origine non è dentale, il reumatologo cercherà altre cause della tendinite: artrosi, calcificazioni, persino una rottura della cuffia dei rotatori.

Si irradia: è una rottura della cuffia dei rotatori

La cuffia dei rotatori è un gruppo di quattro tendini che, come un cappello, coprono la testa dell’omero e ne controllano la rotazione. Tuttavia, quest’area si può infiammare a causa di attività fisica e / o professionale, fumo (che ostruisce le arterie che alimentano i tendini), malattie metaboliche o fattori anatomici. Il dolore è violento, forte di notte, e la spalla perde mobilità e forza.

Soluzioni: Se la rottura della cuffia dei rotatori è degenerativa e il paziente è anziano, vengono prescritte almeno 20 sessioni di rieducazione per sviluppare i muscoli compensatori. Si tende ad evitare un intervento chirurgico. Questo è meglio indicato in un paziente di età inferiore ai 65 anni con una rottura da piccola a moderata o in una persona di età superiore ai 65 anni se la rottura dei tendini è completa.

Spalla bloccata: è una capsulite retrattile

La capsulite retrattile colpisce più spesso le donne quando comincia la menopausa, si manifesta senza una chiara causa o dopo disturbi metabolici (diabete, ipertiroidismo), una caduta, uno shock senza frattura… L’involucro (capsula) che circonda la spalla si infiamma e poi si irrigidisce. All’inizio il dolore è intenso (specialmente di notte) poi svanisce, ma la spalla rimane rigida e molto mobile.

Soluzioni: Gli analgesici di livello 2 (tipo di paracetamolo) sono i farmaci più efficaci per alleviare il dolore, nonché l’infiltrazione di una miscela di corticosteroidi e anestetici. Quindi, per ammorbidire l’articolazione e riacquistare la mobilità, il fisioterapista mobiliterà delicatamente la spalla, insegnando al paziente dei gesti di auto-riabilitazione. A volte, completiamo il tutto con la balneoterapia in acqua calda.

Spalla bloccata: è una crisi calcica acuta

Quando si verifica la crisi calcica acuta, la spalla è completamente bloccata poiché il dolore è intenso, permanente e genera insonnia. L’evacuazione di una parte delle calcificazioni naturalmente presenti nella spalla, nell’area sopra i tendini della cuffia dei rotatori, provoca questa grave crisi.

Soluzioni: Le calcificazioni tendono a scomparire naturalmente tra i dodici e i diciotto mesi, la puntura o la chirurgia non sono mai prese in considerazione fin dall’inizio. La riabilitazione manuale delicata allevia il dolore. L’invio di aria compressa sull’area lesa (onda d’urto), praticata da un reumatologo, attiva la scomparsa della calcificazione e accelera la guarigione dei tendini rivascolarizzandoli.

Commenti